Brunetta: «Come Renzi ha distrutto il Maggio Musicale Fiorentino»

Renato Brunetta e Matteo Renzi Renato Brunetta e Matteo Renzi
Renato Brunetta e Matteo Renzi Renato Brunetta e Matteo Renzi
Renato Brunetta e Matteo Renzi

Matteo Renzi «l’uomo che vuole correre in soccorso del mondo per redimerlo, non è nemmeno riuscito ad amministrare decentemente il Teatro Comunale simbolo di Firenze. Alla fine è dovuto intervenire il governo. Ai primi di agosto ha varato un decreto intitolato salva-cultura». Questo il parere dell’ex ministro Renato Brunetta, che nell’ottava puntata del suo «Osservatorio Renzi» aggiunge: «In realtà, con l’intento meritorio di impedire il naufragio del Maggio Musicale Fiorentino, si è trattato di un decreto Salva-Renzi».

Sul suo dossier intitolato «L’Attila della cultura», Brunetta – attuale capogruppo Pdl alla Camera – precisa che «il sindaco di Firenze era partito con l’intento di far brillare più luminosa la stella di Firenze nel firmamento dell’arte e della musica. Aveva dichiarato di ‘metterci la faccia’ nell’impresa di risollevare le sorti dell’importantissimo Teatro Comunale del Maggio, invece è riuscito con la sua gestione a moltiplicare i debiti e a portarlo al fallimento tecnico».

«Aveva anche idee belle e nobili – incalza Brunetta – per risistemare i conti e risanare il bilancio. Il risultato è stato un fiasco. Un fallimento imprenditoriale e amministrativo. Il ‘fare’ non è per lui, va meglio nel chiacchierare». «Un amministratore così scadente di una città – conclude – come può essere credibile come leader dell’Italia?».

Scarica qui il dossier «L’Attila della cultura (come ha distrutto Il Maggio fiorentino)» pubblicato sul sito www.freenewsonline.it

 

brunetta, Maggio Musicale, renzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080