Grande partecipazione per il premio letterario

Capalbio libri a Ravera, Latouche e Settis

di Redazione - - Cultura

Stampa Stampa
IIl palco di Capalbio libri 2013

Il palco di Capalbio libri 2013

CAPALBIO (GR) – Grande partecipazione ieri sera, primo appuntamento di «Maremma Incontri» che ha visto come protagonista Serge Latouche, il teorico della decrescita felice, che si trova nella piccola Atene toscana per ritirare il premio Capalbio Piazza Magenta per l’economia per il suo libro «Le follie dell’obsolescenza programmata». All’incontro Latouche ha sottolineato come «all’origine di tanta decrescita non felice vede l’Europa unita e la consorteria delle banche che succhiano energie».

Tra gli altri vincitori del premio internazionale Capalbio, Lidia Ravera (Premio Letteratura per «Piangi Pure»), Tomaso Montanari e Salvatore Settis (Premio Saggistica per «Costituzione Incompiuta»).

Tag:

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.