Repliche fino all'8 aprile

Opera di Firenze: applausi alla prima della «Traviata», ovazione per Mehta

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
«La-Traviata» nell'allestimento di Brockhauss in scena all'Opera di Firenze (foto di Simone Donati -Terraproject-Contrasto)

«La Traviata» con la regia di Brockhauss in scena all’Opera di Firenze (dal sito web Opera di Firenze)

FIRENZE – Bella prova dell’Orchestra e del coro del Maggio Musicale sotto la direzione di uno Zubin Mehta in forma smagliante, cui il pubblico ha giustamente tributato, a fine spettacolo, un’ovazione entusiasta. Questa la sintesi della «prima» de «La traviata» di Verdi con la regia di Henning Brockhaus, andata in scena ieri sera 1 aprile all’Opera di Firenze.

Applauditissima anche Eva Mei nel ruolo di Violetta Valery, che forse non è quello che le è più congeniale, ma che ha nel complesso retto egregiamente: se nelle prime scene non è parsa al meglio della forma vocale, poi è entrata nella parte ed ha offerto un’ottima prova di recitazione (essenziale per il personaggio di Violetta), cantando benissimo il terzo atto; commovente in special modo l’«Addio del passato bei sogni ridenti», eseguito per intero (tutto il libretto è senza tagli). Ivan Magrì (Alfredo) con gli applausi si è preso anche qualche “buu”: è più severo del solito, ultimamente, il pubblico del Maggio; si sono sentiti spesso applaudire tenori ben peggiori e lui, forse, deve solo finire di formarsi e assestare la voce, ma privo di mezzi non pare, anche se certo, in un grande teatro, ci si aspetterebbero protagonisti più maturi. Poco apprezzato e alquanto perfettibile anche il vecchio Germont di di Paolo Gavanelli; buone la Flora della bella Anastasia Boldyreva e l’Annina di Simona di Capua. Menzione onorevole per le coreografie di Maggiodanza.

L’eleganza della direzione di Zubin Mehta bilancia felicemente alcune ineleganze cui il regista costringe sul palco gli interpreti. Henning Brockhauss va infatti volutamente in direzione contraria a quella dei registi che “angelicano” troppo il personaggio di Violetta, ma esagera sul versante opposto, trasformando i saloni di Violetta e Flora in autentici bordelli. In realtà le “lorettes” (così si chiamavano a metà Ottocento le prostitute di altissimo bordo, brillanti conversatrici ed ottime ballerine, dotate di un certo stile) cercavano di imitare in parte l’atmosfera dei salotti delle dame; una buona dose di lascivia ci sta, ma qui la si introduce anche dove non ce ne sarebbe affatto (ad esempio nei colloqui tra Violetta e Alfredo nel secondo atto: non ha molto senso che le chieda di tornare con lui tenendo sottobraccio due donnine molto discinte né che le palpi il posteriore mentre lei lo implora di evitare il duello col barone).

Malgrado debordi su questo fronte, ci si sente comunque una regia non certo da dilettanti. L’allestimento riprende quello della Fondazione Pergolesi Spontini già testato, oltre che a Jesi, in altri teatri anche esteri, perfino a Melbourne, e che a sua volta è un adattamento dello spettacolo ideato dal regista nel lontano 1992 per lo Sferisterio di Macerata, dove è stato riproposto nell’estate del 2014. Una regia collaudata e ben nota agli esperti di lirica, dunque, che non è male si faccia conoscere anche al pubblico fiorentino, sia pure per sole cinque repliche (troppo poche, per «La traviata», che è oltretutto opera perfetta per attrarre i neofiti del genere e farli appassionare alla lirica).

Belle le scene di Josef Svoboda. Su tutto domina un enorme specchio leggermente inclinato che riflette fondali scenografici stesi sul palcoscenico e che sul finale riflette anche il pubblico, a simboleggiarne il coinvolgimento diretto. «Lo specchio permette un doppio punto di vista sui rapporti tra i personaggi, mette in luce cose nascoste», spiega il regista, che effettua anche un piccolo spostamento in avanti del tempo, dalla metà dell’Ottocento ai primi del Novecento, prendendo come pittura di riferimento quella raffinata e sensuale di Giovanni Boldini. Lo specchio viene assunto a chiave di lettura dell’opera perché sta dentro la storia di «Traviata», rappresentandovi l’attegiamento maschile, voyeuristico, da testimone nascosto di oscenità proibite; spiega ancora Brockhauss (musicista di formazione avviato al teatro da Strehler, con cui a lungo collaborò): «C’è una simbiosi dello spazio psicofisico anche dello spettatore: la doppia vista, orizzontale e verticale, in cui si struttura lo spettacolo, produce un effetto anche di straniamento, quasi brechtiano, chiede sì partecipazione, ma soprattutto riflessione. Lo specchio, incontrovertibilmente e senza scampo, catapulta il pubblico nell’azione, confondendo vittima e colpevole, rendendo tutti responsabili nei confronti di quel mondo di “deboli” di cui anche Violetta fa parte».

Una lettura interessante, anche se, come spesso succede, fa dire a Verdi cose che probabilmente neanche immaginava. Brockhauss parte dal presupposto che il ribaltamento nell’ordine d’apparizione dei temi nel preludio sia significativo e premonitore della tragedia finale: il primo tema che compare è quello su cui si apre l’ultimo atto; si richiama poi la melodia di «Amami, Alfredo», che Violetta intona al termine della prima scena del secondo atto, quando ha già acconsentito a farsi da parte su richiesta del vecchio Germont e solo dopo la musica si fa più leggera e frivola, a rappresentare il “gioir” folleggiante della vita mondana. Tutto vero, ma è anche l’unico ordine possibile, se si vuol scivolare senza inciampi dal preludio alla prima scena; Brockhauss lo legge come una sorta di flashback allusivo alla memoria, specie quella di Alfredo che non ha capito bene quanto gli è accaduto e ripercorre all’indietro tutta la vicenda: così fa esplicitamente Armand Duval, protagonista maschile della «Signora delle camelie» di Dumas, racconto che ispira il libretto e che si sviluppa all’indietro dopo la morte della protagonista femminile, e così Brockhauss fa fare ad Alfredo, che nella prima scena compare da solo al centro della scena con una lettera, presumibilmente di Violetta, in mano. Un Verdi proto-simbolista, dunque, in una lettura estremamente reattiva a quelle naturalistiche alla Visconti.

Opera di Firenze (Piazza Vittorio Gui / Viale Fratelli Rosselli, 7)

Repliche Giovedì 2 aprile, Martedì 7 aprile e Mercoledì 8 aprile ore 20.30; Sabato 4 aprile ore 15.30

Guida all’ascolto nel foyer del teatro 45 minuti prima di ogni spettacolo

Tag:, ,

Commenti (3)

  • Leonardo

    |

    Gentile sig.ra Manetti
    concordo con le considerazioni fatte.
    Violetta molto ben interpretata ma soprattutto recitata dalla Mei, Alfredo bravo ma ancora un po’ acerbo anche se ha tenuto molto bene la scena.
    Metha ….beh semplicemente fantastico.
    Ci sono veramente piaciute le coreografie e soprattutto bene, bravi, bis !!! ai ballerini e le ballerine del Maggio Danza (a parte il collant di una ballerina che nella seconda scena del,secondo atto continuava a scendere :-) :-)
    Non condivido invece la sufficienza sul vecchio Germont/Gavanelli, a noi è sembrato ben padrone del ruolo ed alla fine anche il pubblico lo ha compensato con un bel applauso.med i commenti nel pubblico in sala sono stati positivi.
    E stata veramente una bella serata anche grazie alla favolosa acustica del nostro splendido teatro.

    Rispondi

  • Valentina Escobar

    |

    Gentilissima Signora Roberta Manetti sono Valentina Escobar, la coreografa della Traviata . Sono davvero molto felice che le siano piaciute anche le mie coreografie interpretate dalle ballerine e dai ballerini del maggio danza che ho selezionato e con i quali ho avuto il piacere di lavorare per questa tournè fiorentina. La ringrazio pubblicamente per averci menzionati e apprezzati. Abbiamo lavorato molto intensamente in questi giorni per cercare di creare anche delle coreografie di qualità e quindi il suo apprezzamento e quello del pubblico mi riempiono di gioia ( credo e spero sia lo stesso per il corpo di ballo protagonista) e costituiscono un importante tassello nella lunga storia delle coreografie di questa Traviata e dello spettacolo stesso. Detesto la falsità , ringraziamenti puramente formali legati alle circostanze e preferisco sempre un rapporto veramente sincero con la critica , con il pubblico e le persone con le quali collaboro, dunque , sinceramente grazie!

    Rispondi

    • Roberta Manetti

      |

      Gentilissima Signora Escobar, che già conoscevo di nome, ora sono io ad essere felice per questo suo commento. Il lavoro preparatorio era evidente e non dubiti che i commenti positivi tra il pubblico non sono mancati, anche se non tutti hanno la possibiltà di esprimerli pubblicamente per iscritto (sono state apprezzate specialmente le coreografie delle scene decima e undicesima del secondo atto)

      Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.