Si trova ora nel carcere minorile a Firenze

Poggibonsi, arrestato a 16 anni per estorsione: offriva «protezione» al compagno di scuola in cambio di soldi

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Carabinieri 112

Il giovane è stato colto in flagranza dai carabinieri

POGGIBONSI – Denaro contante, e tanto, in cambio di «protezione» a scuola da molestie, maltrattamenti o insulti. In questo modo un ragazzo di 16 anni, di origini campane ma residente in Val d’Elsa, è riuscito a farsi consegnare da un suo coetaneo oltre 1200 euro in contanti da ottobre scorso a oggi.

Fino a quando non è stato scoperto dai carabinieri di Poggibonsi (Siena) ed è stato arrestato con l’accusa di estorsione e condotto nel carcere minorile a Firenze. Tutto è cominciato 6 mesi fa quando il sedicenne – con precedenti per altri reati -, aveva costretto il compagno di scuola a farsi consegnare la paghetta di 10-15 euro.

Dalla paghetta si è passati presto a richieste di denaro sempre più consistenti, nell’ordine di centinaia di euro, che hanno costretto la vittima a fare ricorso a tutti i propri risparmi, compresi i regali di Natale, per arrivare infine a rubare nei portafogli dei genitori e della nonna.

Per convincere il suo coetaneo a pagarlo, il ragazzo sarebbe ricorso anche a minacce e violenze. A dare l’allarme i genitori della vittima dopo aver notato che dai loro portafogli era cominciato a mancare denaro e per alcuni atteggiamenti del figlio che non voleva andare a scuola.

Gli uomini dell’Arma hanno quindi teso una trappola all’estorsore presentandosi in abiti civili all’appuntamento con la vittima e segnando le banconote che avrebbe dovuto consegnargli. Così il giovane è stato colto in fragranza. I carabinieri proseguono le indagini alla ricerca di eventuali altre vittime.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.