Nardella, Marino e De Magistris andranno a bussare dal governo

Città metropolitane (con Firenze in testa) in cerca di quattrini (ma tutte le tasse aggiuntive non gli bastano?)

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
Dario Nardella

Dario Nardella

FIRENZE –  26 milioni, il “taglio più grande di tutta Italia. Stiamo parlando del 23% del bilancio”. Roma 87 milioni e Napoli 65, “insopportabile” anche per loro. Cosi’ Dario Nardella, sindaco della Città metropolitana di Firenze, a proposito della riduzione del fondo perequativo agli enti locali presentato nella Conferenza Stato-Città del 31 marzo, annuncia un cabina di regia con Ignazio Marino e Luigi De Magistris per fronteggiare “un taglio molto difficile da sostenere, come mai si e’ visto nella storia degli enti locali”. Una sforbiciata da 2,2 miliardi di euro, gia’ fissata nell’ultima legge di stabilita’, che complessivamente storna dalle casse delle Citta’ metropolitane 256 milioni di euro. Nel pomeriggio, annuncia in conferenza stampa il sindaco di Firenze, coi sindaci di Roma e Napoli “avremo un colloquio in call conference per studiare una strategia che possa salvaguardare queste tre città metropolitane”.

“Mi auguro che fino a quando ci sara’ qualche margine, i tecnici del governo e l’Anci arrivino ad una soluzione più sostenibile”, conclude Nardella.

Gli amministratori degli enti locali, voraci idrovore di danaro pubblico, non sono mai soddisfatti. Invece di diminuire e razionalizzare spese inutili vorrebbero sempre più fondi e contestano i tagli del governo, come se i sacrifici dovessero farli solo lavoratori e pensionati. Nardella poi invoca una santa alleanza con Napoli e Roma, che non costituiscono poi un modello di efficiente amministrazione, anzi…

 

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.