Sono previste anche limitazioni agli sconti fiscali

Economia: il Governo prepara 10 miliardi di tagli. La nuova local tax

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento, Politica

Stampa Stampa
Pier Carlo Padoan

Pier Carlo Padoan

Il governo è alle prese con il Def che sarà sul tavolo del consiglio dei ministri martedì prossimo. Il via libera è atteso tre giorni dopo, venerdì 10 aprile. Nel documento, da quanto si apprende, si esprimerà l’idea che per l’Italia il peggio è passato anche se resta d’obbligo la prudenza. La stima di crescita per il 2015, secondo quanto annunciato dal ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, qualche giorno fa, sarà fissata allo 0,7%. Il rapporto deficit-Pil dovrebbe attestarsi al 2,6%.

TAGLI – Sul piano dei tagli alla spesa verrebbero contabilizzati risparmi aggiuntivi per 10 miliardi di euro. L’obiettivo primario è quello di non aumentare le tasse, di scongiurare la clausola di salvaguardia che, al netto dei 6 miliardi già realizzati quest’anno, vale circa 10 miliardi di aumento dell’Iva e delle accise dal primo gennaio del prossimo anno. Mentre ci si prepara a mettere di nuovo mano alle tasse sulla casa con l’obiettivo di far partire dal 2016 la “local tax” comunale (che assorbirebbe Imu, Tasi e altre imposte locali). Come riferito in audizione dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, l’intenzione è quella di essere “il più espansivi possibili” a “sostegno dell’occupazione e degli investimenti a livello locale”. Una sfida che l’esecutivo ha sempre detto di voler vincere è quella di voler trovare le risorse per disinnescare la mina delle clausole di salvaguardia, a cominciare dall’aumento dell’Iva e delle accise.

STATO E ENTI LOCALI – Per gli enti locali si prevede l’allineamento delle regole del Patto di stabilità interno a quelle europee: pareggio di bilancio, costi standard e pubblicazione online degli indici di performance. Nel mirino le aziende municipalizzate: in particolare il documento cita le aziende di trasporto pubblico e quelle di raccolta dei rifiuti che “soffrono di gravi e crescenti criticità di costo”. Terzo punto d’attacco i 10 mila capitoli di spesa dello Stato centrale e la riorganizzazione di Prefetture e delle altre strutture periferiche.

RIFORME – Il governo punta a sfruttare la flessibilità europea connessa al percorso di attuazione delle riforme. E conta anche di avvantaggiarsi dei minori interessi dovuti al taglio dello spread, come dell’euro debole e del calo dei prezzi del petrolio, oltre all’effetto del Qe. Sul piatto, ci sarebbero dunque per il prossimo anno 10 miliardi da ricavare con un ulteriore pezzo di spending review. Nel pacchetto anche l’avvio del processo di revisione delle agevolazioni fiscali, non solo per i cittadini ma anche per le imprese; e il piano sulle partecipate su cui ancora si sta discutendo quale sarà il punto di caduta (rispetto a quanto aveva ‘suggerito’ l’ex commissario alla Spending Carlo Cottarelli che aveva previsto la mano pesante con la riduzione da 8mila a mille in tre anni). Dopo l’ok del consiglio dei ministri, il documento verrà immediatamente trasmesso al Parlamento per il voto sulla risoluzione ed entro il 30 aprile dovrà essere trasmesso a Bruxelles.

LOCAL TAX – Entro il 2015 arriverà l’atteso riordino della tassazione locale, che assorbirà Imu e Tasi e diversi altri balzelli locali, che già si sta studiando e che sarà presentato con la legge di Stabilità. In questo modo la nuova ‘local tax’ potrà partire dal 2016. L’indicazione, secondo quanto confermano fonti di governo, sarà contenuta nel Documento di economia e finanza che l’esecutivo si appresta ad esaminare a partire da martedì, per arrivare al varo entro la scadenza di venerdì 10 aprile.

SCONTI FISCALI – Si interverrà anche sugli sconti fiscali, terreno da sempre sotto la lente nell’ottica del recupero di risorse, ma mai toccato per la delicatezza della materia. Secondo quanto si apprende, il faro sarebbe comunque non tanto sulle detrazioni per i singoli contribuenti (molte intoccabili, a partire da quelle per lavoro dipendente o per carichi familiari) ma su incentivi e agevolazioni alle imprese.

 

Tag:, , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.