I viola partono dal 2-1 dell'andata, ma Montella avverte: «Vietato sbagliare»

Coppa Italia: Fiorentina-Juventus (ore 20,45, diretta su RaiUno) vale davvero la finale. Supersfida Salah-Tevez

di Massimiliano Mugnaini - - Primo piano

Stampa Stampa
Fiorentina-Juventus: Salah protagonista della vittoria dei viola a Torino può essere di nuovo l'uomo-chiave

Fiorentina-Juventus: Salah protagonista della vittoria dei viola a Torino può essere di nuovo l’uomo-chiave

FIRENZE. Ci siamo. Stasera alle 20,45 (Diretta tv su Rai Uno) 38.000 cuori viola cercheranno di spingere la Fiorentina verso il primo traguardo di una stagione che può diventare indimenticabile, anche se al momento non è ancora stato fatto niente, come ha più volte specificato Vincenzo Montella nella conferenza stampa precedente il ritorno della semifinale di Coppa Italia tra Fiorentina e Juventus.

RISULTATO. Si riparte dal 2-1 per i viola dell’andata con la super-doppietta di Salah che incendiò un’intera città, ma i viola non giocheranno per pareggiare. Parola del loro tecnico: «Meglio pensare una gara all’altra volta,  non dovremo essere remissivi, né tanto meno andremo in campo per perdere 1-o. Sappiamo che la qualificazione è tutta da conquistare».

ALLEGRI. E poi l’allenatore bianconero Max Allegri ha caricato moltissimo la vigilia con un hashtag su twitter (#iocicredo) che è davvero tutto un programma. «Con Max c’è stima reciproca – fa Montella – ma ovviamente ci credo anch’io. Sappiamo che sarà difficile ma domani il nostro pubblico ci starà particolarmente vicino. Non dobbiamo fare calcoli, sarà una bella partita da vivere per tutti.  Do per scontato che domani il cuore ci sarà ma sarà necessaria una partita intelligente».

JUVENTUS. Anche perché la Juventus sta dominando il campionato. «Non solo: va molto bene anche in Europa. E’ una squadra particolarmente forte, segna tanto anche in trasferta. Mi aspetto che siano aggressivi ma anche che sappiano aspettare il momento giusto, visto che si tratta di una squadra estremamente esperta».

TEVEZ. Pericolo pubblico numero uno, Carlitos Tevez anche perché stavolta giocherà: a differenza che all’andata Allegri non farà turnover fatta eccezione per Buffon che ha goduto di due giorni di permesso. Montella però trova il modo di scherzarci su. «Tevez è un giocatore straordinario. Lo conoscevo anche prima che venisse in Italia. Gli dò solo un consiglio da ex attaccante: è meglio non giochi così tanto perché in futuro, nelle partite più importanti, potrebbe risentirne».

SALAH. A proposito di attaccanti, un fenomeno comunque ora pare averlo anche la Fiorentina: Momo Salah. «Fa tutto con il sorriso sulle labbra, rispecchia a pieno il nostro modo di fare calcio, come del resto era Cuadrado. Ma anche Gomez è diventato molto importante, partecipa molto di più al gioco» prova a dividere i meriti il tecnico viola, che ci tiene pure a sottolineare come la Coppa Italia ora sia molto sentita.

COPPITALIA.  «E’ un torneo – spiega – cresciuta molto come importanza: abbiamo ancora l’amaro in bocca per la finale persa lo scorso anno. Adesso ci puntano un po’ tutti, anche la squadre più blasonate come la Juve. Per noi è davvero un’opportunità importante, anche perché in questa stagione abbiamo avuto un cammino più difficile, avendo già incontrato ed eliminato pure la Roma».

FORMAZIONE. Infine, un accenno alla formazione, scherzando, ha detto di voler dare un vantaggio a Montella anticipando che giocherà con la difesa a 4. «Mi aspettavo – controbatte il tecnico viola – che mi dicesse anche la strategia…. Anch’io comunque gli faccio un regalo. Savic ha recuperato e ci sarà. L’impiego di Pizarro invece è decisamente difficile». E siccome mancherà anche lo squalificato Badelj, a centrocampo salgono le quotazioni del terzetto Mati Fernandez-Aquilani-Borja Valero.

Tag:, ,

Massimiliano Mugnaini

Massimiliano Mugnaini

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.