Dall'8 al 23 aprile a chiusura della stagione

Firenze: al Teatro di Rifredi tre pièces comico-brillanti di Alessandro Riccio (VIDEO)

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Alessandro Riccio e Gaia Nanni in «La meccanica dell'amore»

Alessandro Riccio e Gaia Nanni in «La meccanica dell’amore»

FIRENZE – Chiusura di stagione all’insegna del comico brillante al Teatro di Rifredi, dove dall’8 al 23 aprile 2015 tiene banco l’attore, drammaturgo e regista Alessandro Riccio. Vanno in scena tre suoi successi delle passate stagioni: «La meccanica dell’amore», «Le Grand Cabaret Deluxe» e «Totentanz-Danza macabra».

«La meccanica dell’amore», che ha sempre fatto registrare il tutto esaurito a ogni ripresa, va in scena da mercoledì 8 a domenica 12 aprile. Sul palco Alessandro Riccio è un anziano bizzoso alle prese col robot-badante (Gaia Nanni) assegnatogli dai servizi sociali, proprio a lui che nemmeno sa usare un cellulare. Inevitabili le situazioni comiche, specie perché il robot si rivela una colf tutt’altro che ordinaria e il vecchio solitario finisce con l’affezionarcisi. Tecnologia e solitudine, poesia e meccanica. Un piccolo mondo nel quale si cela un grande dramma, la solitudine e il tempo che passa, e nel quale si alternano delicatezza e comicità, risate e commozione, con finale a sorpresa.

Seguirà da giovedì 16 a sabato 18 «Le Grand Cabaret Deluxe», escursione nel rutilante mondo del varietà, tra musica, teatro, e circo. In un vecchio locale non  proprio “deluxe” alcuni bizzarri personaggi dal cuore fin troppo tenero, inguaribili romantici fuori moda, danno vita ad un varietà d’altri tempi, strampalato ed esilarante. Una serie di attrazioni improbabili (la cantante francese, il tanghero argentino, la ballerina di flamenco, il presentatore giocoliere, il maestro d’orchestra) fanno rivivere l’atmosfera retró di un cabaret di second’ordine, le cui luci della ribalta nascondono una realtà alquanto malinconica. A fianco di Alessandro Riccio, il noto fisarmonicista Alberto Becucci e Salvatore Frasca nei panni dello scalcinato presentatore.

La rassegna e la stagione si chiudono con «Totentanz-Danza macabra» (mercoledì 22 e giovedì 23 aprile), uno spettacolo che fonde comicità e dramma ironizzando su uno dei temi più difficili da portare in palcoscenico: la morte. Lo scoppiettate duo formato da Alessandro Riccio e Lorenzo Baglioni risolve brillantemente l’aspetto inquietante della fine della vita con un tocco di ilarità, fra canzoni e gags. Chi sarà la prossima vittima della nera signora, cui nessuno sfugge, dall’ultimo dei diseredati al più eccelso dei potenti? Lo spettacolo è cadenzato da un richiamo inequivocabile: “È l’ora”. Nessuno è mai pronto ad affrontare il momento supremo, ma «Se ogni cosa che comincia non finisse, sarebbe un mondo peggio dell’apocalisse», dicono loro. Sarà…

Teatro di Rifredi (Via Vittorio Emanuele II, 303 – Firenze)

PRODUZIONE TEDAVI ’98  presenta

da mercoledì 8 a domenica 12 aprile (feriali ore 21, domenica ore 16.30)

«La meccanica dell’amore», scene Lorenzo Girolami; costumi Daniela Ortolani, responsabile di produzione Lorenzo Ridi,

da giovedì 16 a sabato 18 aprile, ore 21

«Le Grand Cabaret Deluxe», costumi Daniela Ortolani

mercoledì 22 e giovedì 23 aprile, ore 21

«Totentanz-Danza Macabra», scene Alessandro Meozzi; musica Lorenzo e Michele Baglioni; costumi Dagmar Lise Mecca, sarta Daniela Ortolani; assistente di scena Monica Sperandio

Info: 055/4220361 – www.toscanateatro.it

 

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.