I risultati dei controlli della Regione Toscana

Prato, controlli sulle aziende cinesi: il 70% risulta irregolare

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
Incendio capannone cinese a Prato

Incendio capannone cinese a Prato: dopo la tragedia del 2013, la Regione Toscana ha deciso di avviare l’indagine sulle aziende tessili, soprattutto quelle gestite dai cinesi

PRATO – Delle circa duemila aziende controllate dalla Regione Toscana – nell’ambito del progetto Lavoro Sicuro inaugurato a settembre – circa il 70% sono
irregolari. Le ditte sono collocate in gran parte nella provincia di Prato (dove la percentuale delle irregolari sale all’85%)) ma il progetto opera azioni di controllo anche in provincia di Firenze, a Empoli e Pistoia. Il coordinatore del Piano straordinario regionale, Renzo Berti, ha presentato oggi i risultati aggiornati dei controlli nel corso di un intervento al convegno sulla legalità organizzato a Prato
in una ditta cinese, “Andrea&Yaoli”.

Berti ha spiegato che “entro la fine dell’anno si potrà dire di aver effettuato controlli sulla metà delle 7.700 aziende del territorio”. In totale sino ad ora sono stati scovati 160 dormitori abusivi in altrettante ditte cinesi, mentre 118
aziende sono state sequestrate. “Tuttavia – ha detto Berti commentando i grafici – assistiamo ad di una volontà delle ditte fuori dalle regole, che sono soprattutto cinesi, ad adeguarsi ed entrare in un percorso di legalità”.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.