I dati del Rapporto di Unioncamere

Toscana: malgrado la crisi crescono le imprese ad alta tecnologia

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
Il laboratorio di nanotecnologie

Aziende ad alta tecnologia: in Toscana godono di buona salute

FIRENZE – Dei quasi 600 milioni di euro del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) 2014-2020, la Regione Toscana ne ha destinati 253 milioni alle imprese, al sostegno dei processi di potenziamento del sistema di trasferimento tecnologico e per l’innovazione delle Pmi.

Lo ha sottolineato oggi 9 aprile l’assessore regionale alle Attività produttive, Gianfranco Simoncini, presentando il sesto Rapporto sull’alta tecnologia in Toscana, con Unioncamere e Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

E nel 2014, malgrado la recessione, le imprese toscane ad alta tecnologia hanno continuato a crescere. Il saldo fra ingressi e uscite è stato positivo (+1,9%), e così il fatturato, anche se in misura minore (+0,3%), mentre gli addetti sono in calo (-0,7%).

Sono 1.568 le imprese ad alta tecnologia censite in Toscana, con un fatturato complessivo di oltre 18 miliardi di euro e un’occupazione di circa 45 mila addetti. Tra il 2011 e il 2014 le imprese hi-tech toscane hanno sviluppato il proprio volume d’affari (+5,6% fra il 2011 e il 2014), aumentato la spesa per attività di ricerca e sviluppo (+5,9%) e l’occupazione (+1,3%), soprattutto quella maggiormente qualificata (+3,5% per i laureati in discipline scientifiche e tecniche, +3,8% per gli addetti in laboratori di ricerca e sviluppo). I comparti principali di attività sono l’Information and Communication Technology (il 38%) e la meccanica avanzata (20%). Per il 2015 gli imprenditori del settore prevedono un nuovo aumento del fatturato (+0,8%).

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.