Prevenzione e sorveglianza sanitaria sul personale

Vigili del Fuoco: accordo con la Regione Toscana per il servizio medico nelle caserme

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Il direttore dei Vigili del Fuoco Gregorio Agresta e l'assessore Luigi Marroni

Il direttore dei Vigili del Fuoco Gregorio Agresta e l’assessore Luigi Marroni

FIRENZE – Accordo tra la Regione Toscana e la Direzione regionale dei Vigili del Fuoco per assicurare la presenza di medici del Servizio Sanitario Regionale presso i 10 comandi provinciali dei pompieri. È la prima volta in Italia. Si occuperanno di garantire la sorveglianza sanitaria sul personale in organico, accertare l’idoneità psicofisica degli aspiranti vigili, istruire le pratiche medico legali occupandosi inoltre di igiene ambientale e degli alimenti.

La firma del protocollo – della durata di un anno rinnovabile – è avvenuta oggi 10 aprile, presso la sede della Giunta regionale toscana, tra l’assessore regionale al diritto alla salute Luigi Marroni e il direttore regionale del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco Gregorio Agresta. Finora c’erano convenzioni dirette tra i vari comandi e singoli medici: a breve sarà la Regione a fornire, attraverso le Asl, gli elenchi dei sanitari che presteranno questo servizio.

I medici presteranno la loro opera periodicamente in base alle esigenze operative del Corpo. Saranno due presso il comando provinciale dei Vigili del fuoco di Firenze ed uno ciascuno presso gli altri nove comandi provinciali della Toscana. L’accordo regola anche i compensi che ciascun comando corrisponderà alle Asl territoriali di riferimento: una cifra forfettaria annua variabile dai 3.806 euro di Prato e Massa Carrara e i 6.341 euro di Firenze mentre per l’attività di aggiornamento dei libretti sanitari e per le prestazioni medico legali svolte per conto della commissione medico ospedaliera il compenso è stato stabilito in 17,3 euro lordi l’ora.

E’ prevista anche un’attività di formazione per la preparazione del personale operativo in materia di primo soccorso sanitario con particolare riguardo alle tecniche applicate dai Vigili del fuoco come le tecniche di primo soccorso sanitario, il sostegno di base alle funzioni vitali, e l’uso del defibrillatore.

«Con questa firma – ha detto in conferenza stampa l’assessore Marroni – chiediamo alle Aziende sanitarie di individuare i medici che verranno incaricati di un servizio che giudico fondamentale per garantire una adeguata sorveglianza e assistenza ad un particolare gruppo di lavoratori chiamato a svolgere un servizio importante, delicato e rischioso». «Questo accordo – ha evidenziato il direttore Agresta – rientra negli obiettivi di razionalizzazione nella gestione delle risorse disponibili e nella logica che la nostra amministrazione segue circa la necessità di mettere a fattore comune le risorse che gli enti hanno a disposizione».

 

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.