E ha manifestato scetticismo sugli annunci ottimistici del governo

Firenze: Landini (segretario fiom) vuole abbassare l’età pensionabile. E teme nuove tasse locali dopo il Def

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
Maurizio Landini

Maurizio Landini

FIRENZE – Il segretario della Fiom Maurizio Landini, oggi a Firenzeper un incontro della Fiom regionale ha parlato di pensioni: “Penso sia arrivato il momento di mettere mano alle pensioni, abbassare l’età pensionabile in modo molto secco senza penalizzazioni per chi esce e bisogna ripristinare, a partire dai lavori più pesanti e più disagiati, le pensioni d’anzianità. Questo tra l’altro è un modo di ripristinare una giustizia nel sistema pensionistico e dall’altro di aprire spazi per assunzioni vere che non siano semplicemente di sostituzione di quello che c’è già”.

TASSE LOCALI – In merito alle promesse del Governo di non tagliare le risorse dei comuni e alle previsioni del Documento economico di finanza, Landini si è dimostrato scettico e ha aggiunto: “intanto bisogna vedere questa dichiarazione fatta di non tagli come si realizza, perché se siamo nello schema del non trasferimento a comuni e province, il rischio molto concreto è che non sia vero che non stanno facendo dei tagli, ma semplicemente demandano ad altri soggetti la decisione di che cosa tagliare e di che cosa aumentare. Penso – ha aggiunto – che noi avevamo bisogno di qualcosa in più, perché noi abbiamo bisogno di far ripartire gli investimenti in questo Paese e allora, in questo caso, non è sufficiente dire non aumento la tassazione, cosa che non è vera, ma bisogna cominciare ad abbassarla, per chi ne paga già troppa.”

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.