Fra i testimonial Giancarlo Antognoni e Cesare Prandelli

Firenze half Marathon: vincono la ruandese Caludette e il keniota Ndiritu. Ma è stata soprattutto la carica dei 5.000 partecipanti a celebrare la festa di sport

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Primo piano, Sport

Stampa Stampa

Half Marathon 2015 (3)

FIRENZE – Baciata dal sole, e affollata di atleti, Firenze stamani, 12 aprile, era bellissima. E festosa. Cioè inorgoglita dalla festa nel segno di solidarietà  sport e benessere per  la Half Marathon Firenze Vivicittà, ossia la mezza maratona organizzata dall’Uisp che ha visto la partecipazione di oltre cinquemila persone. Ben 2850 gli atleti che hanno partecipato alla gara agonistica, che vedeva Diadora come sponsor tecnico, 1978 alla non agonistica, 384 alla Walking con Milena Magli e 269 alla Tommasino Run. Qualche protesta da parte degli automobilisti per le strade bloccate, ma rientra ormai nel copione.
Grande performance con record per Kariuki Samuel Ndiritu (Kenya) che vince fra gli uomini facendo segnare il nuovo record della manifestazione con 1.03,06. Fra le donne la vittoria va alla ruandese Mukasakindi Caludette con 1.16,17.news2692_big

A dare il via l’assessore allo sport di Firenze Andrea Vannucci. Titta Meucci, assessore all’urbanistica sempre della giunta fiorentina, ha invece dato il via alla gara non competitiva. Alla Tommasino Run, fra l’altro, erano presenti Cesare Prandelli e Giancarlo Antognoni. «Una giornata straordinaria che conclude un fine settimana caratterizzato da tante iniziative, particolarmente nel segno dello sport e della cultura», ha commentato Marco Ceccantini, presidente Comitato organizzatore Half Marathon Firenze Vivicittà e presidente consiglio Uisp Firenze. «La marea di gente che anche quest’anno ha partecipato a Hmf Vivicittà e la comunità fiorentina che si è stretta intorno ai partecipanti, comprendendo e condividendo l’idea di una città vivibile ed a misura di tutti, ci riempie di soddisfazione e ci spinge a nuovi e più ambiziosi obiettivi».

 

Tag:,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.