I fondi arrivano da 13 banche

Firenze, tramvia: 50 milioni di euro a sostegno di negozi e attività danneggiati dai lavori

di Domenico Coviello - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
Cantieri della tramvia, nuova viabilità all'incrocio Strozzi-Lavagnini

Cantieri della tramvia

FIRENZE – Fondi per 50 milioni di euro. Andranno a sostenere le attività economiche, dai negozi ai bar e dagli alberghi ai ristoranti, che si trovano lungo le linee 2 e 3 della tramvia, in corso di realizzazione.

I finanziamenti sono stati messi a disposizione da 13 istituti bancari che hanno risposto alla chiamata di Palazzo Vecchio per andare incontro alle esigenze degli esercizi commerciali nella delicata fase dei lavori e dei cantieri. Ogni banca ha elaborato prodotti per finanziare le esigenze di liquidità, con interventi prevalentemente a breve termine (12 mesi) e importi fino a 30 mila euro, senza togliere la possibilità per l’imprenditore di valutare investimenti più lunghi.

«Le soluzioni proposte sono le più diverse perché le esigenze cambiano in base alle tipologie di esercizi commerciali – ha spiegato oggi 14 aprile l’assessore comunale allo Sviluppo economico, Giovanni Bettarini, nel corso della presentazione dell’iniziativa -. Si va dagli alberghi, ai bar, ai ristoranti con diverse caratteristiche e numero di dipendenti. C’è chi ha bisogno del sostegno per l’affitto o per il mutuo, chi per le bollette, chi sta provando a spostarsi temporaneamente e chi invece preferisce rimanere in loco. Per questo motivo, non abbiamo chiesto alle banche un prodotto unico, ma che ogni istituto presentasse propri prodotti in modo da offrire soluzioni diverse».

La lista degli esercizi che potranno utilizzare questi strumenti finanziari, ha spiegato ancora l’assessore, include 1.512 attività. Oltre a Bettarini, alla presentazione dell’iniziativa, c’erano tra gli altri il segretario della Commissione regionale Abi della Toscana Giorgio Occhipinti e i rappresentanti degli istituti bancari coinvolti nel piano. Le banche che hanno aderito sono Monte dei Paschi di Siena, Banca di Cambiano, Chianti Banca, Cassa di Risparmio di Firenze, Cassa di Risparmio di Genova, Banca Federico Del Vecchio, Intesa San Paolo, Cariparma, Deutsche Bank, Banca Etruria, Unicredit, Banca Popolare di Vicenza e Bnl.

Tag:,

Domenico Coviello

Domenico Coviello

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.