Per l'incremento della speranza di vita

Pensioni: l’Inps prevede che dal biennio 2019-2020 l’età salirà a 67 anni. Altri 5 mesi di lavoro in più

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa
Sede Inps

Sede Inps

ROMA – A partire dal biennio 2019-2020 saranno necessari cinque mesi in più di lavoro per poter accedere al trattamento pensionistico. Queste le ultime previsioni Inps per i lavoratori che possono accedere alle prestazioni straordinarie a carico dei fondi di solidarietà di settore o ai prepensionamenti, introdotti dalla legge Fornero. L’aumento dei requisiti per maturare il diritto all’accesso all’esodo e ai fondi di solidarietà è diretta conseguenza dell’incremento della speranza di vita, che è di quattro mesi per il biennio 2016-2018 per salire a cinque in quello 2018-2020

NUOVI REQUISITI – In conseguenza delle proiezioni Inps, l’età anagrafica per la pensione di vecchiaia sarà pari a 67 anni (rispetto ai 66 anni e 11 mesi previsti nella relazione tecnica alla legge Fornero); l’anzianità contributiva per il conseguimento della pensione anticipata sarà di 43 anni e 3 mesi per gli uomini e di 42 e 3 mesi per le donne (rispetto ai precedenti, rispettivamente, 43 anni e 2 mesi e 42 e 2 mesi); per la pensione anticipata per chi ha versato il primo contributo dopo il 1° gennaio 1996 l’età anagrafica sarà di 64 anni.

SI ATTENDE LA LEGGE – Quelle dell’Inps, come detto, sono previsioni e proiezioni che si basano sulla necessità dell’ente previdenziale di tenere i conti in equilibrio. La fissazione definitiva dell’età pensionabile per la pensione di vecchiaia, ovvero dell’anzianità contributiva necessaria per il conseguimento della pensione anticipata, spetta alla legge attraverso un decreto direttoriale. Solo l’emanazione di tale atto modificherà definitivamente i requisiti pensionistici per il biennio 2019-2020, che potrebbero anche differire da quelli attualmente previsti dall’istituto. Al momento l’aumento dei requisiti è solo ed esclusivamente in via previsionale

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.