Racconti in prima linea nella Palermo degli anni '80

Mafia: in un libro la sfida del generale De Gregorio a Cosa Nostra

di Sandro Addario - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Giuseppe De Gregorio e Giovanni Falcone

L’allora colonnello Giuseppe De Gregorio (a sin.) e il giudice Giovanni Falcone a destra

FIRENZE – Il racconto in prima linea nella lotta alla mafia, ben prima degli omicidi Falcone e Borsellino, la cattura dei latitanti, il maxiprocesso a Cosa Nostra, i legami tra criminalità e politica. Ne ha parlato a Firenze il generale dei Carabinieri Giuseppe De Gregorio, ora in congedo, ma negli anni ’80 comandante del Gruppo Palermo II che assicurò alla giustizia personaggi di spicco come Michele Greco il capo della «Cupola», Francesco Intile, Bernardo Brusca.

LMafia di Giuseppe De Gregorio’occasione è stata la presentazione del suo libro «Mafia. Due anni di sfida a Cosa nostra» (Mauro Pagliai Editore, pp. 240) che si è svolta presso il Consiglio Regionale della Toscana, con un dibattito cui hanno partecipato il consigliere regionale Paolo Bambagioni, Giovanni Pallanti già vice sindaco di Firenze, i giornalisti Pierandrea Vanni e Antonio Lovascio, l’Ispettore per la Toscana dell’Associazione Nazionale Carabinieri colonnello Salvatore Scafuri. Il generale De Gregorio è molto conosciuto anche a Firenze, dove durante la sua carriera ha comandato il Gruppo (l’attuale Comando Provinciale) in Borgognissanti e la Scuola Marescialli e Brigadieri.

Nel suo libro l’autore ripercorre la sua esperienza a Palermo a stretto contatto con il giudice Giovanni Falcone, con documenti, fotografie e testimonianze esclusive, come le conversazioni con i protagonisti – in positivo e in negativo – dell’epoca.

Tra queste basta citare: «Spett.le Sig. Giudice; in riferimento alla mia telefonata del 3.2.1986 delle ore 11,40 circa (telefonata effettuata da Cefalù a nome Raia) le dissi che volevo personalmente parlare con Lei e mi ha chiesto di venirla a trovare in ufficio, ma vede molta gente mi conosce e non vorrei fare la fine che hanno fatto tanta gente disposta a collaborare con la Giustizia…». La lettera firmata «Raia» ma riconducibile a Benedetto Galati è indirizzata a Giovanni Falcone. Mai pubblicata prima d’ora, segna l’inizio dello stretto rapporto del «confidente» con la magistratura che porterà il 26 febbraio 1986 all’arresto del boss Michele Greco detto «il papa», a capo di quella Cupola, sotto la quale ci sono i mandamenti, a loro volta formati da «famiglie» di affiliati a Cosa Nostra. D’accordo col giudice Falcone, fu lo stesso De Gregorio a incontrare Benedetto Galati e a intrattenere i rapporti con lui fino all’arresto di Greco.

Giuseppe De Gregorio

Giuseppe De Gregorio

I limiti della lotta alla mafia? De Gregorio non ha dubbi. «Lo Stato – ha ricordato ieri a Firenze – non è mai riuscito a fare una politica organica contro la mafia, ma solo interventi dettati dall’emergenza e dall’emozione». «Se davvero si vuole vincere la mafia – ha concluso – ci vuole il contributo davvero di tutti e non solo quello delle forze dell’ordine, che più di altri ne sono rimaste vittime».

Molti i capitoli del libro, tutti come una cronaca in diretta: la notte dei sopralluoghi, la cattura del Boss Vitale, la falsa identità di Michele Greco, gli incontri con il giudice Paolo Borsellino, il cardinale Pappalardo, la cattura di Bernardo Brusca e di altri capimafia, briefing con il giudice Giovanni Falcone, la cattura del capo della “Cupola” Michele Greco, l’uccisione del confidente, le meschinità, speranza di rinascita.

Il ricavato del libro, spettante all’Autore, è interamente devoluto all’Onaomac (Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari Arma Carabinieri).

 

Tag:,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.