Operazione dei Carabinieri del Tpc

Firenze, recuperato dipinto del ‘500 da un milione di euro. Era stato portato a New York

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Gli abitanti di Andros

Gli abitanti di Andros

FIRENZE – Era stato esportato illegalmente in America il dipinto «Gli abitanti di Andros», olio su tavola del XVI secolo di Girolamo Marchetti, stimato circa un milione di euro. I Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Firenze lo hanno sequestrato a Firenze e tre persone sono state denunciate per esportazione illecita.

Durante i controlli ai beni d’arte pubblicati nei cataloghi delle più note Case d’Asta internazionali, l’attenzione dei militari del Reparto specializzato dell’Arma ricadeva su un’opera di Girolamo Macchietti, individuato in asta presso la Sotheby’s di New York.

Dai primi accertamenti, eseguiti attraverso la Banca Dati dei Beni culturali illecitamente sottratti gestita dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Roma, l’opera non risultava provento di furto. Considerato comunque il suo pregio e la chiara provenienza italiana, la questione è stata approfondita. Accertato che nel 1996 l’opera era ancora in Italia, attraverso la Sotheby’s di New York (USA) i Carabinieri sono risaliti al nome del proprietario dell’opera, un collezionista fiorentino. È risultato che quest’ultimo, estraneo all’illecito, aveva acquistato il prezioso dipinto da un consulente d’arte 31enne di Genova che, con la complicità di due trasportatori 60enni milanesi, aveva falsificato la documentazione facendo figurare che l’opera si trovava già all’estero.

Il collezionista fiorentino si è quindi adoperato per il rientro del dipinto da New York in Italia che, giunto a Firenze, è stato posto sotto sequestro. Il consulente d’arte ed i due trasportatori sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Firenze per esportazione illecita di opere d’arte. Se verrà provato che il proprietario del bene era a conoscenza della sua illegale esportazione, il dipinto rischia la confisca.

 

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.