Il procuratore della Repubblica di Catania, Giovanni Salvini, ha aperto un'inchiesta

Strage di migranti, Renzi annuncia: 24 morti e 28 superstiti. Ma teme che i cadaveri siano centinaia. E chiede un Consiglio europeo straordinario

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Primo piano

Stampa Stampa
La riunione di Renzi con i Ministri

La riunione di Renzi con i Ministri

ROMA – Si teme una strage di proporzioni enormi. Anche se il governo, per ora,  conferma solo le cifre ufficiali: 24 morti e 28 superstiti. Alla riunione straordinaria convocata da Renzi per la nuova ecatombe nel Mediterraneo erano presenti i ministri Alfano, Gentiloni, Pinotti e Delrio, oltre al sottosegretario Minniti. Uscendo dalla riunione, il premier ha detto che i fatti sono ancora nebulosi, non ha potuto ovviamente parlare di 700 vittime, ipotizzate dall’Unhcr, l’Agenzia dei rifugiati delle Nazioni Unite. Come detto, si è limitato a confermare il numero di 28 sopravvissuti e 24 morti. Ha ringraziato tutti per l’imponente operazione di soccorso, con 18 navi impegnate, e ha annunciato che una motovedetta arriverà nelle prossime ore da Malta con a bordo i morti.

POLEMICHE – Si è riferito anche alle polemiche. “ll lavoro che sta facendo l’Italia talvolta in una condizione di quasi solitudine, talvolta in compagnia di altre realtà internazionali è oggettivamente straordinario, e sono inconcepibili le polemiche di una piccola parte politica italiana. Chi dice che con Mare Nostrum si sarebbe evitata la tragedia non sa di cosa parla: i soccorsi c’erano al momento dell’incidente”. E replica alla richiesta di Salvini: “Con il blocco navale si corre il rischio di fare un favore agli scafisti, mettendo a disposizione una sorta di ‘servizio taxi’ nel Mediterraneo. Si sarebbe costretti ad andare a prendere questi barconi. Siamo pronti a fare tutto ciò che è necessario perché non partano i barconi”. Ma ammette, questa volta in accordo con il leader leghista, che “gli immigrati si salvano non facendoli partire”.

MALTA – La collaborazione con Malta ha funzionato, grazie all’intesa con il premier di quel Paese. “Domani ci vedremo fare il punto della situazione insieme. Malta si è offerta di accogliere la motovedetta della guardia costiera”.

EUROPA – “Pur continuando noi a impegnarci nel salvare vite umane pensiamo che il tema della lotta contro il traffico degli uomini non deve essere una priorità solo nostro e di Malta. Nelle conversazioni che ho già avuto con i leader europei e che avrò nelle prossime ore con Cameron, Junker e tutti gli altri colleghi e amici andranno in direzione”. L’Italia chiede infatti che si svolga il prima possibile un Consiglio Europeo straordinario, perché non può non esserci quella solidarietà e quella vicinanza che l’Europa ha mostrato in altre occasioni. “Quello che chiediamo è di non essere lasciati soli, non tanto nell’emergenza in mare, perché è naturale che in queste situazioni il mare sia una brutta bestia. La nostra è una questione politica, di dignità dell’uomo, è di bloccare questo traffico di essere umani. L’Italia ha arrestato 976 scafisti”.

VITTIME – Dopo aver espresso il cordoglio alle famiglie delle vittime, Renzi ha dichiarato “Sono morte delle persone. La dignità dell’uomo è un valore non negoziabile. L’Italia farà la sua parte anche in questo, assicurando una degna sepoltura a chi ha perso la vita. In questo momento – ha aggiunto – tutti i nostri sforzi sono per individuare lo scafista che ha condotto la nave. E’ doveroso”

PROCURA – La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta sul naufragio di migranti nel canale di Sicilia in cui sarebbero morte 700 persone. I reati ipotizzati dal procuratore Giovanni Salvini sono naufragio e omicidio colposo plurimi.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.