Bruxelles non ha risolto il problema che grava sul nostro Paese

Migranti, Consiglio Ue: triplicati i fondi Triton, mezzi navali anche dall’Inghilterra. Ma chi arriva resterà in Italia

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa

verticeBRUXELLES – La ripartizione tra i paesi europei dei richiedenti asilo resta il tema tabù attorno al tavolo del vertice europeo straordinario. Da Angela Merkel a David Cameron, intesi come i due opposti estremi dell’europeismo, tutti dicono che bisogna “agire” di fronte alla catastrofe umanitaria. Quindi ok, pur fra tanti dubbi, a studiare i modi per combattere i nuovi schiavisti. Ok a dare sostegno ai paesi di origine e transito per frenare i flussi verso la Libia. Ok a fare pressione sulle fazioni libiche perché nasca un governo di unità nazionale. Ok a nuovi fondi per Triton. Ma sulla redistribuzione del fardello, niente da fare: si resta alla volontarietà. Che proprio Cameron, a due settimane dalle elezioni, nega stuzzicando l’orgoglio britannico (e gelando l’Italia): Londra “farà la sua parte” e manderà tre navi e tre elicotteri a salvare vite nel Mediterraneo. Ma scaricherà tutti “nel paese sicuro più vicino”, ovvero il nostro. E “la condizione” dell’impegno, non coordinato con Frontex visto che il Regno Unito non è in Schengen, è che “nessuno avrà titolo per chiedere asilo in Gran Bretagna”.

TRITON – Meglio va sul fronte delle risorse economiche per Triton. Jean Claude Juncker, che ai 28 distribuisce un dossier intitolato “Gestire le migrazioni: una sfida comune”, chiede e ottiene che siano triplicati i fondi per le operazioni di Triton: dai 3 milioni al mese attuali, si passa a 9. Ovvero, quanto l’Italia da sola spendeva per Mare Nostrum. Ma ci saranno molti più mezzi: Belgio, Germania, Francia, Svezia, Lituania, Norvegia e Danimarca promettono complessivamente 8 navi, 1 elicottero e 1 pattugliatore. Mentre altri, come la Spagna, dicono che saranno “generosi” quando la Commissione avrà definito le necessità.

PROFUGHI – Ma resta irrisolto l’argomento che sta più a cuore ai paesi “in prima linea” sul Mediterraneo. Ovvero, come ricorda Alexis Tsipras, “la solidarietà” nella condivisione del fardello di profughi che le operazioni Triton e Poseidon salvano dal mare. L’idea delle ‘quote’ obbligatorie nemmeno si discute. Nelle bozze di conclusioni spunta un meccanismo di emergenza, tutto da definire. E ci potrebbe essere una scappatoia per la redistribuzione, assegnando al paese della nave che salva in mare il compito di trattare le richieste di asilo.

D’altronde era stato lo stesso presidente del Consiglio, il polacco Donald Tusk a dire chiaramente che sarebbe stata la redistribuzione “la questione più difficile” da discutere perché si sarebbe trattato di convincere tanti paesi “a sacrificare qualche interesse nazionale in nome del bene comune”. Le posizioni si sono cristallizzate: i paesi dell’est con l’Ungheria in testa, ma anche la Gran Bretagna, l’Irlanda, la Finlandia che ha il partito xenofobo dei ‘nuovi finlandesi’ al potere, o i paesi baltici non vogliono neppure sentir parlare di cambiare le regole della Convenzione di Dublino.

TRAFFICANTI – Tempi lunghi – si parla di mesi – per mettere in piedi la missione di Politica europea di sicurezza e difesa comune (Pesd). I capi di Stato e di governo sono d’accordo sulla necessità di lottare contro i trafficanti, ma ci sono molti dubbi su quale sia il mezzo migliore

Il Commissario per l’immigrazione, Dimitri Avramopoulos, il 13 maggio presenterà la strategia europea per l’immigrazione e allora avremo indicazioni più precise su come verranno concretamente realizzate le decisioni del Consiglio.

Tag:,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Commenti (1)

  • Pierluigi

    |

    Dopo il “passo gigantesco” di aver ottenuto qualche nave e qualche elicottero in più dai Paesi dell’Unione Europea,(sperando che non sia materiale in fase di rottamazione), il problema di dove alloggiare i profughi ed i presunti tali, rimane invariato, in quanto con il flusso attuale di arrivi, fra qualche mese diventerà materialmente impossibile ospitare questa marea di persone, sia per l’alloggio che per il nutrimento. Non è una questione di razzismo ma di semplici conti aritmetici, ma dal momento che con la malafede non esiste rimedio, sarà l’evolversi della situazione che porterà, in pochi mesi, a delle conseguenze negative anche gravi.

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.