L'annuncio del Governatore di Bankitalia, Visco

Banche, un altro ‘regalo’ dell’Europa: i clienti contribuiranno al salvataggio degli istituti di credito

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

Banca d'Italia

ROMA – I conti correnti degli italiani non sono garantiti; le norme europee stabiliscono che i clienti potrebbero dover contribuire al risanamento delle banche e pertanto vanno informati. Lo ha dichiarato il governatore di Bankitalia Ignazio Visco, che in audizione al Senato ha spiegato come “i bilanci bancari continuano a risentire della protratta debolezza dell’attività economica, che pesa sulla qualità del credito e sulla profittabilità degli intermediari”. Obiezione, che spero venga avanzata con forza in tutti i Paesi UE: se la banca salta è colpa di chi amministra non di chi ci tiene i risparmi. Viceversa, sarebbe come se, in caso d’incidente stradale provocato da un autobus, venissero incolpati i passeggeri invece dell’autista.

CLIENTI – La creazione del Meccanismo di risoluzione unico (Single Resolution Mechanism, SRM), ha sottolineato Visco, “rappresenta un ulteriore, essenziale tassello nel processo di costruzione dell’Unione bancaria”. Alla luce delle nuove norme europee sulla gestione delle crisi, poi, le banche “dovranno adottare un approccio nei confronti della clientela coerente con il cambiamento fondamentale apportato dalle nuove regole, che non consentono d’ora in poi il salvataggio di una banca senza un sacrificio significativo da parte dei suoi creditori”. Secondo Visco, quindi, i clienti andranno pienamente informati del fatto che potrebbero dover contribuire al risanamento di una banca.

VISCO – Convocato in Senato per l’indagine conoscitiva sul sistema bancario in prospettiva delle nuove norme di vigilanza europea, Visco ha esposto le linee guida del nuovo assetto e puntato il dito contro ciò che tuttora rappresenta una criticità. Per l’Italia, in particolare, il problema sono i ritardi con i quali il paese recepisce le direttive Ue.  Soprattutto in questa fase delicata di transizione verso il nuovo assetto delle regole e dei controlli, “sarebbe stato essenziale che il recepimento delle direttive fosse stato effettuato per tempo” ha osservato il governatore di Palazzo Koch.  Invece “purtroppo i tempi lunghi ostacolano l’impegno e la partecipazione attiva del nostro paese al processo di integrazione finanziaria” e possono minare la nostra credibilità.

BAD BANK – Per far fronte al tema dei crediti deteriorati “è importante – ha proseguito Visco – rispondere con un intervento pubblico, ovviamente rispettando le norme europee”. Secondo Visco “ci sono le giustificazioni per un intervento pubblico“. Il governatore ha quindi ricordato che “ci sono iniziative in corso su cui lavoriamo intensamente con il ministero dell’Economia”. Nel dettaglio si tratta del progetto di ‘Bad bank” in cui convogliare i crediti deteriorati; secondo questo strumento nascerebbe un nuovo soggetto a cui partecipa lo Stato e nel quale confluirebbero le sofferenze. Per gli istituti il vantaggio sarebbe enorme: dalla sera alla mattina incasseranno denaro fresco e soprattutto sicuro, a fronte di crediti “dubbi” e difficilmente monetizzabili. E pagherebbero naturalmente clienti e contribuenti.

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.