Lo ha deciso la Giunta Regionale

Opg: tutte le nuove destinazioni in Toscana per gli ex internati di Montelupo

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo Fiorentino

L’ingresso dell’ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo Fiorentino

FIRENZE – Gli internati gravi dell’Ospedale psichiatrico giudiziario (Opg) di Montelupo Fiorentino saranno ospitati nel Padiglione Morel dell’ospedale di Volterra e presso Villa Guicciardini di Firenze, un’ulteriore struttura intermedia di proprietà della Madonnina del Grappa, sulla collina di Montughi sopra Careggi.

Lo ha deciso oggi 27 aprile con una delibera la Giunta Regionale della Toscana. Viene così definitivamente escluso, come era stato ipotizzato nelle scorse settimane, il trasferimento all’interno del carcere di «Solliccianino», l’istituto penitenziario a custodia attenuata «Mario Gozzini». Quest’ultimo avrebbe necessitato di costosi lavori di ristrutturazione interna oltre al «ritorno» nelle carceri ordinarie di parte dei detenuti, che al Gozzini fruiscono di un regime speciale a loro favorevole, specie per chi sta ultimando il periodo di reclusione, in vista del loro reinserimento nella vita all’esterno del carcere stesso.

La delibera odierna della Giunta Regionale Toscana impegna l’Asl 5 di Pisa e l’Asl 10 di Firenze ad eseguire le analisi di fattibilità per gli interventi di adeguamento e l’attivazione delle due strutture.

Questo il quadro aggiornato delle destinazioni per gli internati toscani, individuate a livello regionale come alternative all’Opg di Montelupo:

  • Volterra – Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza detentive «Padiglione Morel» Ospedale di Volterra – Asl 5 Pisa (sorveglianza intensiva)
  • Firenze – Struttura Psichiatrica Residenziale «Le Querce» Firenze a Ugnano – Asl 10 Firenze (struttura intermedia)
  • Firenze – Struttura Psichiatrica Residenziale «Villa Guicciardini» Montughi Firenze – Asl 10 Firenze (struttura intermedia)
  • Massa Carrara – Comunità Terapeutica «Tiziano» Aulla – Asl 1 Massa e Carrara (struttura intermedia)
  • Volterra – Modulo residenziale «Morel» Ospedale di Volterra – Asl 5 Pisa (struttura intermedia)
  • Siena – Modulo residenziale «I Prati» Abbadia S. Salvatore – Asl 7 Siena (struttura intermedia)
  • Arezzo – Modulo residenziale in struttura terapeutico riabilitativa di Arezzo – Asl 8 Arezzo (struttura intermedia).

I pazienti non residenti in Toscana – si legge in un comunicato della Giunta – verranno presi in carico dalle rispettive Regioni.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.