E l'Italia aspetta ancora

Marò: la Corte Suprema indiana va in ferie. Caso rinviato a dopo il 1 luglio

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa
I due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

I due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone

NEW DELHI –  Nuovo rinvio sul caso dei due marò. La Corte Suprema di Nuova Delhi ha deciso oggi di rinviare a dopo il 1° luglio, dopo la riapertura per le vacanza estive, tutti i casi pendenti, compreso quello di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, che avevano presentato un ricorso contro la polizia investigativa Nia. Lo hanno confermato fonti dell’ambasciata italiana a Nuova Delhi, precisando che la Corte sospenderà tutte le udienze a partire dal 15 maggio.

La decisione del presidente dell’aula n.3 della Corte Suprema, Anil R. Dave, di rinviare l’esame sarebbe stata puramente «tecnica» ed ha riguardato non solo il caso dei Fucilieri di Marina italiani, ma tutti i 25 che dovevano essere discussi oggi. Questo perchè in una seconda lista supplementare pubblicata sul sito internet della Corte ieri sera è stato aggiunto all’ultimo momento un nuovo caso (non quello dei Marò) in cui gli imputati sono passibili di pena di morte. Il giudice Dave ha deciso a questo punto di dare la precedenza all’esame di questa vicenda, rinviando tutti gli altri casi a dopo le vacanze estive della Corte (15 maggio-30 giugno 2015).

E intanto l’Italia aspetta ancora. Ormai sarebbe diventata quasi una barzelletta se non fossero in gioco la libertà dei nostri due fucilieri di marina e il prestigio del nostro Paese.

 

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.