Fonti vicine allaConsulta forniscono l'interpretazione autentica

Pensioni: la Corte Costituzionale smentisce il Governo. La sentenza sulla perequazione è immediatamente esecutiva e vale per tutti

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
La Corte Costituzionale

La Corte Costituzionale

ROMA – Il Governo, per bocca del ministro Padoan e del sottosegretario Zanetti, dopo la sentenza della Corte costituzionale che ha ritenuto illegittimo il decreto Fornero che ha limitato la perequazione degli assegni pensionistici superiori a un determinato livello, ha subito messo alcuni paletti sull’esecuzione della pronuncia. Che sarebbe stata diluita nel tempo e limitata agli assegni più bassi, escludendo la restituzione per i ricchi.

CONSULTA – Da subito però la linea di palazzo Chigi si trova a fare i conti con quanto precisato da giuristi e fonti vicine alle Consulta: la sentenza 70/2015 , senza l’introduzione di eventuali interventi del governo, vale di per sé erga omnes ed è immediatamente applicativa. Per chiederne l’applicazione, tecnicamente, non serve un ricorso, anche se questa può essere una via per sollecitare il rimborso. L’articolo 30 della legge 87/1953, che regola il funzionamento della Corte, sancisce che “le norme dichiarate incostituzionali non possono avere pplicazione dal giorno successivo alla pubblicazione della decisione”.

SACCONI – Su questa linea anche Maurizio Sacconi, presidente della Commissione lavoro del Senato: “Se il governo infatti pensasse di ricalcolare le prestazioni in essere con metodi di calcolo diversi a seconda delle fasce di reddito realizzerebbe una soluzione iniqua e come tale esposta ad un’altra bocciatura della Consulta”. E aggiunge: chi legge “la giurisprudenza costituzionale in materia, vi troverà il ricorrente invito a rispettare il patto tra lo Stato e il cittadino e la possibilità quindi di ricorrere esclusivamente a soluzioni congiunturali e come tali transitorie”.

Si affretti il Governo a trovare i fondi necessari per rispettare il patto di fiducia e giustizia con i cittadini, intervenendo finalmente sugli sprechi della politica che continuano imperterriti, senza dimenticare che i vitalizi di parlamentari e consiglieri regionali non sono considerate pensioni e non sono perciò sottoposti a contributi di solidarietà o altri prelievi. Non costringa i pensionati a presentare ulteriori ricorsi per riavere ciò che loro spetta di diritto in base alla Carta fondamentale, la nostra Costituzione.

Tag:, , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Commenti (1)

  • Antonio

    |

    Sono un pensionato ex dirigente scolastico e ho una pensione, unico reddito del nucleo familiare, di 3150,00 euro lorde mensili, ho un figlio che ha perso il lavoro e, leggendo e ascoltando i media in relazione alle misure che il governo vorrebbe adottare percepisco che probabilmente la mia pensione potrebbe essere lasciata fuori dalla perequazione, allora mi chiedo dove va a finire la cosiddetta giustizia sociale quando penso che in un altro nucleo familiare dove marito e moglie prendono una pensione di 2000, 00 euro lorde mensili ciascuno, quindi un reddito di 4000,00 lorde mensili, e ciascuno di loro avrà la meritata perequazione che porterebbe il loro reddito a circa 4300,00 euro lorde, mentre io con una pensione di 3150,00 lorde mensili starò a guardare. Allora mi chiedo e vi chiedo questa è giustizia? Perchè il governo non tiene conto dell’ ISEE per distribuire equamente l’adeguamento delle pensioni al costo della vita?

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.