La sperimentazione in un ambulatorio del nosocomio

Firenze: ospedale di San Giovanni di Dio. Il podometro (contapassi) per prevenire l’ischemia

di Redazione - - Cronaca, Salute e benessere

Stampa Stampa
Il contapassi

Il contapassi

Firenze – Ben 10.000 passi al giorno. È la cifra che, secondo recenti autorevoli studi, potrebbe migliorare diversi parametri di salute: la riduzione dell’indice di massa corporea, il Bmi (body mass index) che è il rapporto tra peso e
quadrato dell’altezza di un individuo con cui si indica il peso forma; il contenimento del colesterolo cattivo, ovvero delle lipoproteine a bassa densità (Ldl, Low Density Lipoprotein); la diminuzione della glicemia a digiuno ed ancora il miglioramento dei sintomi depressivi dell’anziano o della motilità articolare dell’anca.

CONTAPASSI – Ma che fatica contarli! Quasi di più che farli. A questo, però, può provvedere un podometro. Il podometro, detto anche contapassi o pedometro, è uno strumento che, rilevando il movimento dei fianchi, misura il numero di passi compiuti da una persona e, indirettamente, mostra anche distanza percorsa e velocità.

OSPEDALE – Da qualche settimana all’ospedale San Giovanni di Dio di Firenze è attivo un ambulatorio integrato medico-infermieristico per la supervisione dell’esercizio fisico con podometri in pazienti affetti da claudicatio intermittens agli arti inferiori. I primi pazienti – 4 per ora – sono stati arruolati in maniera sperimentale e si conta di aumentarne considerevolmente il numero a partire da settembre distribuendo tutti i 25 podometri disponibili.

Per chi volesse contare i propri passi e la distanza percorsa a piedi giornalmente informiamo che esiste un’app scaricabile sull’ Iphone (Salute) – da noi provata – che provvede alle stesse funzioni, sia pure, probabilmente, con minore rigore scientifico, ma meglio di nulla.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.