La notizia pubblicata sul portale Noipa

Pubblica Amministrazione: assegni familiari sospesi da luglio 2015

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa
Renzi-Giannini

Renzi-Giannini

ROMA – La gestione della pubblica amministrazione da parte di Renzi e dei suoi ministri sembra indirizzata verso una sola finalità. Ridurre la burocrazia statale, senza influire su quella regionale e comunale. E infierire sui dirigenti dello Stato con pensionamenti anticipati, forzati, blocchi di stipendi da ormai quasi cinque anni per tutti i dipendenti pubblici. Adesso ha deciso di moltiplicare le vessazioni burocratiche anche per operazioni semplici come quella di richiedere gli assegni familiari, che saranno sospesi dal 1 luglio per chi non avrà presentato complicate domande e documentazioni.

NOIPA – Che cosa hanno inventato gli strateghi del Ministero dell’economia? Lo leggiamo sul sito NoiPa, che contiene tutte le informazioni e indicazioni utili per i dipendenti della pubblica amministrazione. Secondo l’ informativa n.39 del 7 maggio scorso, nell’ambito del sistema sarà sospeso automaticamente il pagamento di tutti gli assegni per nucleo familiare, a decorrere dal 1° Luglio 2015. Da tale intervento sono escluse eventuali situazioni già aggiornate con i redditi 2014 in conformità con quanto previsto dalla normativa vigente. La nota contiene però l’avvertenza che il personale interessato, riceverà un apposito messaggio nell’area riservata del portale NoiPA, a decorrere da questo mese di maggio, con l’invito a ripresentare al più presto la domanda dell’assegno al nucleo familiare valida dal 1° luglio.

SCUOLA – Ci sono completamente sconosciute le profonde ragioni per le quali le domande presentate in precedenza, se la situazione degli interessati non è cambiata, non possano essere considerate automaticamente confermate anche per l’anno in corso. Soprattutto i dipendenti della scuola, che già sono in agitazione per la riforma della cosiddetta ‘buona scuola’ di Renzi e della Giannini, apprezzeranno sicuramente queste iniziative dell’esecutivo. Infatti la notizia di questa nuovo adempimento da svolgere è riportata con evidenza proprio sul sito on line orizzonte scuola, destinato agli operatori del settore. Che avranno così un valido motivo in più per contestare.

 

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Commenti (2)

  • Pierluigi

    |

    Con tutte le indagini informatiche che lo stato può fare a carico dei cittadini (vedi controlli bancari), rimango esterrefatto dalla trovata di non passare gli assegni familiari dal prossimo luglio, a meno di richiesta esplicita. Se l’impiegato e\o il pensionato non denuncia l’intervenuta mancancanza del titolo, sarà sua cura ed obbligo di denunciarlo, ma non viceversa.
    Mi sembra che questo sistema di tenersi i soldi sia di brutto stampo.
    PS: ma i debiti della Pubblica Amministrazione verso coloro che hanno lavorato per essa, a che punto sono?

    Rispondi

    • Paolo Padoin

      Paolo Padoin

      |

      Non ci sono stati eccezionali progressi, siamo ancora lontani dalla meta e Renzi non è ancora andato a Monte Senario

      Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.