Quelle che negli ultimi anni hanno avuto incrementi maggiori

Lavoro: l’Istat ha pubblicato la classifica delle professioni e degli impieghi più richiesti

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

Sorveglianza-Sanitaria-Autisti-Malattie-Lavoro-Correlate-e-Consumo-di-Droghe

ROMA – Se state cercando lavoro, o se dovete scegliere il percorso di studi che poi vi conduca al mondo del lavoro, dovreste dare un’occhiata alla recente classifica Istat sulle professioni vincenti in Italia, ovvero quelle per cui il tasso di occupazione è cresciuto di 1,4 milioni di unità dal 2011 al 2014, a fronte di calo generale dell’occupazione di 319 mila unità. Eccole in sintesi per gruppi, come le ha divise l’Istat.

PROFESSIONI TECNICHE – (632mila occupati). Sono soprattutto in ambito tecnologico e scientifico, con elevato livello di istruzione e forti competenze tecnico-meccaniche. Le principali: responsabili della produzione industriale, analisti e progettisti di software, imprenditori e tecnici della gestione di cantieri edili e di servizi, specialisti di saldatura elettrica, esercenti nelle attività ricettive come ristoranti, alberghi e altre attività correlate al turismo.

SPECIALIZZATE NON TECNICHE – (2,1 milioni di occupati). Anche queste richiedono una buona preparazione intellettuale, ma con scarse competenze tecnologiche. Comprendono professioni sanitarie come fisioterapia e riabilitazione; specialisti nei rapporti con il mercato; addetti alla logistica, nella gestione del trasporto delle merci; contabili; addetti alla vendita e alla distribuzione; capotreni e capostazioni; farmacisti; educatori.

TECNICHE OPERATIVE – (890mila occupati). Vengono richieste prevalentemente doti di manualità per la gestione di attrezzature specialistiche e tra i lavoratori più richiesti in questo campo si annoverano cuochi per le attività di ristorazione e per le strutture ricettive, agricoltori e allevatori, costruttori (artigiani e falegnami), odontotecnici e assemblatori di apparecchi elettronici.

PROFESSIONI ELEMENTARI – (2,9 milioni di occupati). Richiedono un livello di preparazione complessivamente basso. I principali esempi: badanti, servizi di pulizia di uffici e negozi, magazzinieri, livelli esecutivi nei servizi sanitari e sociali, addetti alle mense, custodi, camerieri, cassieri, autisti.

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.