Una decisione che prevede maggiore tutela per gli utenti

Autorità per l’energia: le bollette possono essere pagate a rate. Stop al distacco immediato per morosità

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica, Primo piano

Stampa Stampa

 

Contatore Enel

Contatore Enel

ROMA – L’Autorità per l’energia interviene contro i distacchi di utenze dell’energia operate troppo facilmente dalla società di gestione. E stabilisce che il consumatore deve avere sempre la possibilità di richiedere la rateizzazione delle bollette di elettricità e gas anche dopo la scadenza di pagamento, con un allungamento dei tempi a disposizione.

RATE – I clienti serviti nei regimi di tutela (la maggioranza di contratti dove le tariffe non seguono la volatilità dei prezzi dei combustibili sui mercati) potranno presentare la richiesta per ottenere il pagamento a rate anche entro i 10 giorni successivi al termine fissato per il pagamento della fattura (finora la domanda non poteva essere inviata dopo la scadenza), cioè entro 30 giorni dalla sua emissione, invece dei 20 attuali.

TEMPO – Per i servizi di tutela elettricità e gas viene quindi garantito più tempo per richiedere la rateizzazione, che deve essere obbligatoriamente offerta al cliente ad esempio in alcuni casi di fatturazione a conguaglio o di addebito di consumi non registrati dal contatore per malfunzionamento non imputabile al cliente.

SOSPENSIONE – Si vuole così evitare la sospensione della fornitura per morosità qualora il cliente non abbia ricevuto la comunicazione in tempo utile per effettuare il pagamento, con riferimento a ciascuna fattura non pagata. Inoltre, prima di richiedere la sospensione per morosità in caso di conguagli o di importi anomali, il venditore deve comunque rispondere ai reclami scritti dei clienti. In caso di bollette non pagate, il venditore non potrà procedere alla richiesta di sospensione della fornitura senza prima aver inviato al cliente, per raccomandata, una comunicazione di messa in mora con l’evidenza, tra gli altri, del termine ultimo entro il quale il cliente è tenuto a provvedere al pagamento e del termine minimo tra questa scadenza e la data in cui potrà essere richiesta la sospensione della fornitura. In tal modo vengono chiarite procedure, scadenze di termini e diritti degli utenti, finora in balia delle intimazioni e minacce di distacchi di servizi essenziali da parte delle potenti compagnie che gestiscono queste forniture.

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.