Le sanzioni previste per chi non si metterà in regola

IMU e TASI: si paga entro il 16 giugno. Le indicazioni sul sito del comune di Firenze

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Fisco, Politica, Primo piano

Stampa Stampa

Calcolatrice alla mano, fuori i soldi per Imu e Tasi

FIRENZE – I contribuenti sono alle prese, in questo mese di giugno di salassi fiscali, innanzitutto con il pagamento di Imu e Tasi. Gli acconti vanno pagati in entrambi i casi entro il 16 giugno, mentre i saldi (da quest’anno è stata abolita la rata intermedia opzionale di settembre) il 16 dicembre. Il Comune di Firenze prevede d’incassare nel 2015 127,6 milioni di euro dal pagamento dell’Imu, mentre dalla Tasi arriveranno 42 milioni, più o meno le stesse cifre dello scorso anno perché Firenze non ha mutato, almeno per quest’anno, le relative aliquote.

SITO – Palazzo Vecchio, per venire incontro ai cittadini, ha messo a disposizione online sul suo sito un software per calcolare le imposte da pagare sui propri immobili e stampare già il modello precompilato F24 per il pagamento agli sportelli bancari o postali abilitati. Per utilizzare il software occorre disporre di alcuni dati, come codice fiscale, dati anagrafici della persona soggetta all’imposta e la rendita catastale dell’immobile.

SANZIONI – Per chi non paga entro il 16 giugno sono previste sanzioni ridotte, se si paga entro 14 giorni dalla scadenza, che aumentano progressivamente entro 30, entro 90 giorni, fino ad un anno con sanzione massima del 3,75% oltre interessi al tasso legale.

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.