Devono rivolgersi al proprio medico o all'ufficio di igiene dell'Asl

Meningite: appello a 2.000 clienti che hanno frequentato tre discoteche fiorentine fra l’1 e il 4 giugno

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Pronto Soccorso di Santa Maria Nuova a Firenze

Pronto Soccorso di Santa Maria Nuova a Firenze

FIRENZE  – L’appello riguarda circa duemila persone. Ossia tutti coloro che hanno frequentato le  discoteche fiorentine ”Yab” in via Sassetti, la notte fra lunedì 1 e  martedì 2, ”Dolce zucchero” di via Pandolfini la notte fra martedì 2 giugno e mercoledì 3 e ”Space electronic” di via Palazzuolo in  quella fra mercoledì 3 e giovedì 4 giugno. Tutti i frequentatori sono invitati a rivolgersi al proprio
medico, o alla guardia medica notturna o agli uffici di Igiene e  sanità pubblica della propria Azienda sanitaria di residenza per farsi
prescrivere l’antibiotico con cui viene effettuata la profilassi a  colori i quali sono entrati in contatto con persone che hanno
sviluppato la meningite.

L’appello lo lancia appunto il Servizio di igiene e prevenzione che sta tentando di identificare chi è stato a lungo negli stessi posti
frequentati nei giorni scorsi dal ventenne di Haiti che è ricoverato  in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale
di Santa Maria Nuova con una meningite di tipo C. La raccomandazione è che solo chi ha frequentato quei 3 locali in quelle singole serate,  vale a dire quando è stato presente il giovane ora ricoverato,  effettui la profilassi. I sanitari che hanno assistito il giovane e la persona che viveva con  lui sono già stati sottoposti alla profilassi e sono in corso le  indagini per individuare appunto tutti quanti possono averlo  frequentato. Secondo le prime ricostruzioni, potrebbero essere più di  2.000 le persone che nei giorni scorsi sarebbero state ospiti delle  due discoteche dove il ragazzo haitiano pare svolgesse il ruolo di Pr, quindi non direttamente con una presenza costante al chiuso.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.