Non hanno fatto in tempo a scendere di macchina

Siena, bloccati dai carabinieri mentre tentano di rapinare un ufficio postale

di Sandro Addario - - Cronaca

Stampa Stampa

carabinieri manette

ABBADIA SAN SALVATORE (Si) – Non hanno fatto in tempo a scendere dalla loro auto per assaltare un ufficio postale, che sono stati bloccati dai carabinieri. È successo oggi 18 giugno verso le 13 ad Abbadia San Salvatore in provincia di Siena.

In manette tre pregiudicati campani: due di Torre del Greco di 44 e 29 anni, il terzo un ventenne di Napoli. I militari del Radiomobile di Montalcino erano impegnati – in abiti e con auto civili – in servizio antirapina proprio in quella zona. È stata notata un’auto sospetta targata Vicenza – risultata rubata – che si aggirava nella zona. Quando la vettura si è fermata davanti all’ufficio postale è stato visto che l’uomo al volante indossava cappellino, occhiali da sole e guanti.

A questo punto è scattato l’«alt» e i tre occupanti sono stati fermati prima che potessero darsi alla fuga o, ancora peggio, entrare nell’ufficio postale in quel momento pieno di clienti. I tre si sono arresi ammettendo di avere con sé una pistola, mentre nel frattempo arrivava un’altra pattuglia della Tenenza di Abbadia San Salvatore. Nella perquisizione dell’auto sono stati rinvenuti un passamontagna, guanti per tutti ed una pistola semiautomatica marca beretta mod.35 cal. 7,65 col caricatore pieno e con matricola abrasa.

Constatato poi che l’auto fermata era stata rubata stamani ad Arcidosso, le indagini dei carabinieri si sono rivolte alla ricerca dell’auto «pulita» con cui i tre banditi sarebbero scappati. Dopo poco, nei pressi del luogo del furto dell’auto, è stata trovata una Ford Focus con all’interno i documenti di alcuni degli arrestati, i loro cellulari e tre borse contenenti indumenti per cambiarsi dopo la rapina ed eludere così i controlli sul territorio che sarebbero inevitabilmente scattati dopo la rapina.

Ora i tre arrestati si trovano nel carcere di Siena, a disposizione dell’Autorità giudiziaria con l’accusa di tentata rapina, porto di arma clandestina e furto auto. Nel frattempo sono state effettuate perquisizioni domiciliari dai carabinieri di Napoli e Torre del Greco nelle abitazioni dei tre uomini: nel condominio dove abita uno di loro, in un ambiente comune, sono state rinvenute e sequestrate 26 proiettili calibro 9 Lugher, particolarmente letali. Sono in corso ora indagini per accertare eventuali responsabilità di terze persone e collegamenti sul territorio toscano degli arrestati nonché eventuali coinvolgimenti degli stessi in altre rapine.

 

Tag:,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.