Dal 21 al 29 agosto

«Solo belcanto»: un festival con Jessica Pratt nella campagna di Siena

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Il Teatro della Grancia di Montisi durante Solo Belcanto

Il Teatro della Grancia di Montisi durante Solo Belcanto

FIRENZE – Nel paese di Montisi, nel Senese, si terrà dal 21 al 29 agosto la seconda edizione di «Solo Belcanto», la manifestazione ideata da Silvia Mannucci Benincasa e Giovanni Vitali e ospitata dal piccolo Teatro della Grancia. Madrina d’eccezione sarà il soprano australiano Jessica Pratt, protagonista all’Opera di Firenze, lo scorso inverno, dei «Puritani» di Vincenzo Bellini. Una specialista di belcanto fra le più quotate a livello mondiale, da tempo invaghita dell’Italia, ma che proprio durante le ultime recite fiorentine ha trovato un buon motivo per scegliere la nostra città come residenza.

Nel primo concerto a Montisi, il 21 agosto, Jessica Pratt si produrrà in un «Omaggio a Jenny Lind», detta “l’usignolo svedese” (1820-1877), una delle più grandi belcantiste di tutti i tempi, amata da Andersen e da Chopin.

Tematiche anche le altre serate: il 22 agosto il baritono Roberto De Candia (Ford nel cast A del «Falstaff» fiorentino dello scorso dicembre e Falstaff nel cast B)  proporrà «Sesto Bruscantini, l’arte del belcanto»; il 28 agosto sarà la volta di «La voce di Verdi: Marianna Barbieri Nini» col soprano Rachele Stanisci, dedicato alla cantante fiorentina sulla cui voce Verdi costruì la parte di Lady Macbeth nella sua riduzione lirica del dramma shakesperiano; infine, il 29 agosto, il mezzosoprano Teresa Iervolino tratteggerà un ritratto di «Marietta Marcolini, la prima musa di Rossini». Dal 17 al 23 si terrà una master class di Roberto de Candia e Daniela Pellegrino, con concerto finale, il 23, dei giovani allievi selezionati.

Ad accompagnare le voci, un piccolo pianoforte a quarto di coda. Fondato a fine Ottocento da Rosa Mannucci Benincasa, quello di Montisi è difatti un grazioso teatrino all’italiana in miniatura, dotato di soli 60 posti. La Toscana è piena di edifici simili, per lo più chiusi. Questo non lo è: il paese ha una compagnia di prosa amatoriale ed ospita compagnie consimili di altre zone, ma certo l’arrivo di un piccolo festival di belcanto con nomi di levatura internazionale, per i residenti, è stato un avvenimento. Lo hanno accolto con curiosità ed entusiasmo, mostrandosi collaborativi nell’accoglienza degli artisti e del pubblico arrivato da fuori (il paese è a circa un’ora e tre quarti di macchina da Firenze). Certo, vista la scarsità degli spazi, bisogna prenotare con un certo anticipo. Lo si può fare scrivendo a info@solobelcanto.it o chiamando il numero 339 2962553. Info ulteriori su www.solobelcanto.it

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.