Finisce l'era Verdini

Forza Italia: Berlusconi designa Mugnai coordinatore del partito in Toscana. Finita l’era Verdini

di Redazione - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa
Stefano Mugnai (Forza Italia)

Stefano Mugnai (Forza Italia)

FIRENZE – Stefano Mugnai è il nuovo coordinatore regionale di Forza Italia in Toscana. La nomina ora è ufficiale, ma già nei giorni scorsi il presidente Silvio Berlusconi aveva sondato la disponibilità dell’ex candidato degli azzurri alla presidenza della Regione Toscana e attuale capogruppo forzista in Consiglio regionale a ricevere l’incarico. “Sono davvero onorato che il presidente Berlusconi abbia pensato a me per questo ruolo di grande responsabilità che, nel futuro anche prossimo, richiederà un grande impegno e un grande lavoro. Io – afferma il nuovo leader di Forza Italia in Toscana – sento di avere un grande debito verso il partito e, soprattutto, proprio verso il Presidente che ringrazio, così come ringrazio l’onorevole Deborah Bergamini per le parole con cui ha salutato il mio nuovo incarico. Per tutti questi motivi non solo non mi tiro indietro, ma anzi con rinnovato entusiasmo e con grande determinazione affronterò questa nuova sfida lavorando per l’unità del partito e del centrodestra”.

“Del resto – conclude Mugnai – come dimostrato anche dalle recenti elezioni amministrative, che hanno visto in Toscana vittorie eccellenti come quelle di Arezzo e Pietrasanta, il vento è cambiato. Io sono convinto che Forza Italia e il centrodestra abbiano dinanzi sfide che possono essere vinte unicamente a condizione di restare uniti. Lavorerò per questo, lo farò da subito. Intanto, da ora, mi metto al lavoro per definire l’organigramma del partito a livello regionale che, una volta completato, verrà presentato con apposita conferenza stampa”.

Con l’investitura di Mugnai, si chiude definitivamente l’egemonia, in Toscana, di Denis Verdini. Il partito volta pagina con l’obiettivo di recuperare un elettorato che era stato profondamente deluso anche dalle scelte verdiniane, soprattutto perché quasi mai condivise con il territorio e con tesserati e militanti.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.