Viene da Cagliari, è pronto per la nuova sfida

Firenze, il neo prefetto Alessio Giuffrida: «Il terrorismo? La nostra polizia sa come affrontarlo. E creeremo una struttura per la visita del Papa»

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Politica, Primo piano

Stampa Stampa
Alessio Giuffrida è il nuovo prefetto di Firenze

Alessio Giuffrida è il nuovo prefetto di Firenze

FIRENZE – Si presenta e affronta subito l’argomento terrorismo, il neo prefetto di Firenze, Alessio Giuffrida, proveniente da Cagliari: “Non mi risulta che Firenze sia direttamente nel mirino del terrorismo. Certamente, saranno adottate, come per tutte le altre città, le misure necessarie. Firenze è comunque un obiettivo sensibile. C’é un terrorismo esasperato che può infiltrarsi, ma le forze di polizia sanno agire con adeguatezza a qualsiasi attacco. Negli ultimi giorni il sistema di controlli è sicuramente stato potenziato. E c’è massima attenzione anche per quanto riguarda la Toscana”.

PAPA – Domande a raffica per Giuffrida. Naturalmente anche sulla visita del Papa, in autunno. Risposta: “Cercheremo di gestire la situazione al meglio possibile. Si tratta di un evento storico per questa città. Faremo in modo di creare anche in prefettura una struttura in grado di poter stabilire tutti i dettagli della visita creando un ambiente di sicurezza sia per il Papa, che è molto simpatico e autonomo, sia per gli stessi cittadini che vorranno partecipare”

DEGRADO – Firenze è uno scrigno d’arte e cultura, visitato ogni anno da almeno 10 milioni di turisti. Ma c’è non rispetta la città: chi urina sulle porte delle chiese; chi sale sulla vasca del Biancone, in piazza della Signoria; chi mutila le statue della Loggia dei Lanzi. E allora? Ecco la ricetta del nuovo responsabile dell’ordine e della sicurezza:  “Per quanto riguarda il degrado, noi agiremo nella linea che ha già ben delineato il mio predecessore (Luigi Varratta ndr) e continueremo a intensificare in tutti i modi l’attività di prevenzione. Poi condivido l’impostazione del sindaco Nardella per quanto riguarda l’ipotesi di delocalizzazione delle zone dove si può fare la movida. E’ un’idea molto intelligente”.

FIRENZE – Il prefetto ha quindi parlato del suo nuovo incarico: “Io sono convinto che la storia d’Italia parta da qui almeno per una buonissima parte. Io sono felicissimo di essere stato destinato a Firenze, questa è una città di uomini che hanno fatto la storia. Spero di poter dare il meglio. Sono aperto a qualsiasi richiesta da parte della cittadinanza, rivolgetevi al prefetto, farò di tutto per darvi una mano”.

 

Tag:,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.