Si è rischiato il rinvio per l'arrivo del buio

Palio di Siena del 2 luglio 2015, vince la Torre dopo oltre un’ora di mossa

di Domenico Coviello - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Palio di Siena del 2 luglio 2015, vince la Torre

Palio di Siena del 2 luglio 2015, vince la Torre

SIENA – Il Palio è Torre. La carriera dedicata alla Madonna di Provenzano di oggi 2 luglio 2015 è stata vinto dalla contrada che schierava il fantino Andrea Mari detto Brio sul cavallo Morosita prima. La Torre non vinceva da 10 anni, ossia dal 16 agosto 2005. Prima di quell’epoca era addirittura la contrada «nonna»: non vinceva da 41 anni.

Ma oggi si è rischiato grosso. Siena ha rischiato, cioè, che succedesse come nel 1991, quando il Palio fu annullato e rinviato perché ormai faceva buio e la «mossa» si protraeva troppo a lungo. Alla fine, però, alle 20.42, alle ultime luci del tramonto – dopo oltre un’ora di mossa -, il Palio della Madonna di Provenzano del 2 luglio 2015 si è corso.

Il mossiere Bartolo Ambrosione aveva tentato invano, e forse troppo a lungo, di fare in modo che fantini e cavalli rispettassero l’ordine d’ingresso al canape. Ma l’astio e lo scontro imperava: erano ben 7 su 10 le contrade rivali in piazza. E in particolare il Montone, ma anche l’Oca, hanno ricevuto numerosi richiami dal mossiere.

Morosita prima, un baio oscuro di 10 anni, è al suo secondo palio vinto, mentre il fantino Brio è alla sua quinta vittoria in piazza del Campo.

Celeberrimo capitano della contrada della Torre fu Artemio Franchi. Fiorentino ma di genitori senesi mantenne sempre un legame forte con la città di origine della sua famiglia e morì il 12 agosto 1983, a 61 anni, in un incidente stradale mentre operava a favore della Torre per ingaggiare un buon fantino in vista del Palio del 16 agosto.

 

 

Tag:

Domenico Coviello

Domenico Coviello

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.