Ovazione per Pepito Rossi

Fiorentina: festa in Santo Spirito. Sousa saltella contro la Juve. Mini-contestazione per Rogg

di Massimiliano Mugnaini - - Sport

Stampa Stampa
Il palco della Fiorentina in Santo Spirito

Il palco della Fiorentina in Santo Spirito con le maglie per la stagione 2015-16

FIRENZE. Solo un accenno della temuta contestazione. Per il resto molti applausi (soprattutto per Pepito Rossi, ma anche Paulo Sousa) e la voglia di guardare avanti dopo un’estate difficilissima, con la speranza che l’inizio del ritiro a Moena passi di nuovo la palla al calcio giocato.

ROGG. La voglia del popolo della Fiorentina di invitare i Della Valle a darsi una mossa dopo il caso Salah, la cacciata di Montella e nessun intervento nei primi mesi di mercato si evidenzia solo quando sale sul palco dello splendido scenario di Piazza Santo Spirito, il direttore generale Andrea Rogg. «Spendere, bisogna spendere, per vincere bisogna spendere» gli canta la piazza nonostante il presentatore della serata faccia finta di nulla.

FESTA. Per il resto, la presentazione delle nuove maglie della Fiorentina firmata “Le Coq Sportif” è la festa auspicata dalla società, con una buona partecipazione (oltre 1.000 i presenti) e soprattutto la firma ufficiale della pace tra Paulo Sousa e la tifoseria viola.

JUVENTUS. Le scritte che erano comparsi sui muri di Firenze dopo la scelta del club viola di ingaggiarlo come sostituto di Montella sono già un ricordo: evaporano definitivamente quando il tecnico portoghese si mette a ballare con la gente che intona il più classico dei “Chi non salta è bianconero”. E gli applausi scrosciano anche quando Sousa parla del feeling già insturato con una città che definisce perfetta per lui e per i giocatori.

ROSSI. Di sicuro, lo è per Pepito Rossi che sebbene non giochi di fatto da un anno e mezzo è ancora il Fenomeno della gente viola. Lui dice di stare bene, lui dice di essere felice di andare a fare la tournèe negli Stati Uniti (casa sua) che aspetta la squadra e la gente si spella le mani, qualunque cosa faccia.

MODELLI. Rossi veste la maglia blu notte, gli altri modelli sono Tatarasanu per quella verde fosforescente dei portieri, il festeggiato Babacar per il fresco rinnovo di contratto per la casacca bianca da trasferta, Manuel Pasqual che rivela come raggiungerà Moena solo lunedì prossimo per un supplemento di vacanze, per la canonica casacca viola.

RITIRO. Capitano a parte, per altri partenza stamani, 7 luglio, di buon’ora: ecco l’elenco dei 33 convocati tra cui figurano moltissimi giovani e, rientranti dai prestiti a parte, nessun volto nuovo. Ecco i nomi in ordine alfabetico: ALONSO, BAGADUR, BAKIC, BANGU, BASANTA, BERNARDESCHI, BITTANTE, CAMPORESE, DIAKHATE, FAZZI, GIGLI, GOMEZ, GONDO, EGAZI, BABACAR, LEZZERINI, MAKAROV, MINELLI,

PETRICCIONE, REBIC, GONZALO RODRIGUEZ, ROSATI, PEPITO ROSSI,  JOAQUIN, TATARUSANU, BORJA VALERO,  VECINO, VENUTI, ZANON, CAPEZZI, ILICIC, SAVIC, TOMOVIC,

 

 

 

Massimiliano Mugnaini

Massimiliano Mugnaini

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.