Crisi politica

Sesto Fiorentino, per il sindaco renziano Sara Biagiotti mozione di sfiducia dal Pd

di Redazione - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa
Sara Biagiotti, sindaco di Sesto Fiorentino

Sara Biagiotti, sindaco di Sesto Fiorentino

SESTO FIORENTINO – Una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco renziano di Sesto Fiorentino, Sara Biagiotti, è stata presentata da 13 consiglieri della sua maggioranza. Contro Biagiotti, che è anche presidente di Anci Toscana, si sono schierati 8 consiglieri del Partito democratico – la maggioranza del gruppo, che ne conta 14 -, 4 di Sel e un ex M5S ora nel gruppo misto.

La mozione arriva in un clima di rottura tra Biagiotti e il Pd di Sesto Fiorentino che va avanti da molti mesi. Tempo fa, tra le polemiche, si era dimesso da capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Giulio Mariani; quindi, erano arrivate anche quelle della segretaria della federazione di Sesto, Camilla Sanquerin.

Al centro delle divisioni, i temi della realizzazione dell’inceneritore fiorentino in località Case Passerini (nel territorio di Sesto) e dell’ampliamento aeroportuale che insiste nell’area vicina. «Alla base di questa decisione – spiega oggi Mariani – c’è l’impossibilità di non poter politicamente andare avanti: dopo un anno di mandato Biagiotti, il risultato è completamente fallimentare.

L’attuale amministrazione è incapace di dare risposte ai cittadini, non ha un programma né la voglia di confrontarsi e condividere proposte e idee. Abbiamo dovuto adottare lo stesso approccio di Renzi con il governo Letta: se si fanno le riforme, bene, altrimenti si va a casa», ha concluso l’ex capogruppo. Biagiotti, con Maria Elena Boschi e Simona Bonafè, nel 2012 è stata nel coordinamento della campagna delle primarie per l’allora sindaco di Firenze Matteo Renzi.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.