Il buonismo non paga, la gente è arrabbiata

Microcriminalità, il governo cambia verso: ora vuol raddoppiare le pene per scippi, furti e rapine

di Paolo Padoin - - Cronaca, Lente d'Ingrandimento, Politica

Stampa Stampa
Escalation di furti in appartamento nel Chianti fiorentino

Escalation di furti in appartamento

La sinistra mantiene sempre una posizione altalenante in tema di sicurezza. Seguendo le statistiche e i sondaggi  (soprattutto da quando Renzi è segretario del pd) oscilla fra posizioni di debolezza verso chi delinque e picchi di severità. Ogni decisione è spesso influenzata dal malcontento e dall’indignazione popolare. La preannunciata stretta su scippi, furti e rapine diventa un risposta alle polemiche di Lega e M5S dopo l’approvazione della legge sulla tenuità del fatto (niente carcere per reati bagatellari, quando ci sono le scuse del colpevole e il via libera della vittima e le pene sono fino a 5 anni). Adesso si scopre che questi reati sono nel frattempo esplosi e quindi si cerca di correre ai ripari.

GOVERNO – Il Governo vuole usare il pugno duro contro chi pone in atto i comportamenti delinquenziali più avvertiti dagli italiani, che minano la sicurezza delle abitazioni e la possibilità di muoversi liberi in strada. Per questo il ministro della giustizia Orlando ha predisposto norme che prevedono aumenti di pena, mirati soprattutto a evitare che scippatori, ladri e rapinatori, una volta arrestati dalle polizie magari dopo faticose investigazioni, vengano rimessi in libertà. Si tratta di alcuni emendamenti al disegno di legge sulla riforma del processo penale che, a causa di altre priorità, giace in Commissione Giustizia alla Camera.

FURTI – Gli ultimi, anche se non recentissimi, dati del Censis infatti pare abbiano particolarmente colpito il Guardasigilli: i furti in abitazione sono aumentati del 126% negli ultimi dieci anni. Quindi il primo emendamento riguarda proprio i furti nelle abitazioni e gli scippi, per i quali il massimo della pena resta immutato a sei anni di carcere mentre il minimo sale da uno a tre anni di detenzione. Se scippo e furto in abitazione sono commessi in forma aggravata, il minimo della pena passa da tre a quattro anni.

AGGRAVATO – Il secondo emendamento riguarda il furto aggravato (art.625 c.p.), la cui pena minima si innalza da uno a due anni, mentre resta immutato il massimo.

RAPINE – I dati del Censis sono allarmanti anche per quanto riguarda l’incremento delle rapine: +195,4% in dieci anni Perciò un terzo emendamento prevede l’aumento da tre a quattro anni del minimo della pena, mentre il massimo resta fisso a 10.

COSTA – Il vice ministro della Giustizia Enrico Costa, esponente di Ncd, sostiene che «questo intervento mira a garantire la certezza della pena. Non è un mero inasprimento della sanzione penale, ma vuole evitare definitivamente che il lavoro delle forze dell’ordine venga frustrato da agevolazioni di pena e scarcerazioni». Per questo, nelle motivazioni del governo che accompagnano l’emendamento, si parla di «sistema di sanzioni adeguato all’effettiva gravita dei reati». E ancora di «specifica disciplina del bilanciamento delle aggravanti con le eventuali attenuanti» per evitare «abbassamenti di pena non adeguati alla gravità dei fatti».

DIFESA – Vedremo se queste misure avranno l’effetto di far diminuire i reati cosiddetti da strada. Gli italiani non si fidano del legislatore e della magistratura e provvedono nel frattempo, come opportunamente suggerito dalla Forze dell’ordine, a difendersi con mezzi di difesa passiva, come porte blindate, inferriate, sistemi d’allarme e telecamere.

FIRENZE – Recentemente alcuni fatti (furti in serie) e preoccupanti presenze nella zona Piazza Libertà – Piazza delle Cure, a Firenze, hanno allarmato gli abitanti e i negozianti. Dopo un furto notturno in un negozio d’abbigliamento alcuni esercenti hanno manifestato l’intenzione di autotassarsi per garantire un servizio di vigilanza privata nella zona, che copra negozi e abitazioni.

Non per sfiducia nell’operato delle Forze dell’ordine, ma per l’amara constatazione che gli interventi di polizia, carabinieri ecc. sono spesso vanificati da una legislazione permissiva che consente a chi delinque di non sopportare quasi nessuna conseguenza per la commissione di alcuni reati. Del resto molti cittadini stranieri che vengono sorpresi in flagrante hanno spesso dichiarato alle Forze dell’ordine: veniamo in Italia perché è più facile farla franca, da noi sono molto più severi. E la fiducia dei cittadini nelle istituzioni scende sotto i tacchi.

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.