La società aspetta una contropartita da Londra

Fiorentina: Salah non si presenta a Moena, ma il club «impone» al Chelsea che non giochi in Italia

di Massimiliano Mugnaini - - Sport

Stampa Stampa

 

Pasqual è appena arrivato nel ritiro di Moena

Pasqual è appena arrivato nel ritiro di Moena

FIRENZE. Salah non si è visto. E  non si vedrà. Andrea Della Valle non si è visto e (forse) si vedrà solo nel prossimo week end. E’ stata una giornata all’insegna degli slittamenti nel ritiro della Fiorentina, dove – come assolutamente preventivabile – l’attaccante del Chlesea oggi non si è presentato nonostante la convocazione. Intanto è rientrata l’aspettativa per Balotelli: lo scambio con Gomez, che sembrava destinato al Liverpool, torna nei meandri delle indiscrezioni da calciomercato.

CHELSEA. E riparliamo di Salah: il numero 74 è rientrato a Londra per allenarsi con la Primavera dei Blues, in attesa di essere girato in qualche altra squadra. A lungo, in giornata, pareva che il club viola dovesse emettere un comunicato ufficiale sulla vicenda. Poi si è scelta una linea attendista.

CONTROPARTITA. I buoni uffici con il club londinese potrebbero infatti portare allo spostamento in Toscana di qualche giovane promettente (nomi se ne fanno tanti ma al momento non ci sono certezze), ma Della Valle è intenzionato anche a pretendere dai Blues che il giocatore non torni in Italia. Altrimenti si rivolgerebbe alla Fifa, facendo squalificare il giocatore. Con buona pace di Inter e Roma, in questo momento l’Atletico Madrid pare dunque davanti a tutti.

PERDITA. Andasse così, si tratterebbe comunque di una vittoria di Pirro. Sulla vicenda, la chiosa migliore è forse quella di capitan Pasqual, intervenuto oggi in conferenza stampa a Moena. «Quando uno firma una cosa, si deve accertare di quello che firma. Mi dispiace però aver perso un grande giocatore, che ci ha fatto godere tutti. Senza Salah questa squadra ha qualcosa in meno».

QUARTO POSTO. «So cosa abbiamo perso e so cosa hanno dato questi giocatori. Non so se chi arriverà riuscirà a sopperire alla loro cessione, firmerei per un altro quarto posto. Il problema è che alla fine della scorsa stagione sembrava che non avessimo fatto nulla», aggiunge il capitano.

SOUSA. Fatti i doverosi ringraziamenti a Montella e al suo staff, è comunque il momento di voltare pagina e pensare a Paulo Sousa. Mi ha dato dei dettagli sulla sua maniera di allenare, mi ha spiegato cosa voleva proporre.  Quello che vedo è che vuole grandissimo pressing, sempre col possesso palla, ma per me che sono appena arrivato, è decisamente presto per dare giudizi».

ROSSI-GOMEZ. In attesa dei colpi di mercato (il portiere Sepe domani è comunque atteso a Firenze per le visite mediche), Pasqual si augura che la Fiorentina li abbia già in casa: «Questo per noi è l’anno zero per cui spero che Gomez e Rossi siano quelli che ci possano far fare il salto di qualità».

Tag:, ,

Massimiliano Mugnaini

Massimiliano Mugnaini

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.