Oggi 13 luglio

Toscana, Pegaso d’Oro a Lelio Lagorio. E alla memoria di Elio Gabbuggiani

di Redazione - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Pegaso d'oro, in prima fila da sinistra, Eugenio Giani, Stefania Gabbuggiani e Silvia Lagorio

Pegaso d’oro, in prima fila da sinistra: Eugenio Giani, Stefania Gabbuggiani e Silvia Lagorio

FIRENZE – Il Pegaso d’oro, massima onorificenza regionale, è stato assegnato oggi 13 luglio a Lelio Lagorio, primo presidente della Regione Toscana, e alla memoria di Elio Gabbuggiani, primo presidente del Consiglio regionale ed ex sindaco di Firenze.

A consegnare il prestigioso riconoscimento è stato il neo presidente dell’Assemblea regionale Eugenio Giani in occasione delle celebrazioni dei 45 anni dalla nascita della Regione Toscana.

Nell’occasione, Giani ha ricordato come «le elezioni regionali del 1970 furono accompagnate da una carica di novità». In Toscana da un punto di vista politico due furono le figure altamente rappresentative che caratterizzarono quelle elezioni: il presidente della Regione Lelio Lagorio, «figura – ha detto Giani – ponderata ed equilibrata nell’alleanza tra Psi e Pci alla guida di una tendenza riformista all’interno del partito Socialista» e che «nel senso comune della gente diventò il ‘Granduca’, dotato di grande autorevolezza sul piano nazionale», ed «Elio Gabbuggiani, indimenticato e amato sindaco di Firenze in cui la città si riconobbe».

La cerimonia di oggi ha visto la prolusione del costituzionalista e presidente emerito della Corte costituzionale, Ugo De Siervo. «Nel 1970 si attuò finalmente ciò che era stato istituito con la Costituzione – ha ricordato -, riemerse l’istanza autonomista e regionalista dell’Assemblea Costituente». De Siervo ha quindi invitato ad aprire «ad una nuova stagione regionalista, ad un nuovo protagonismo».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.