La riforma passa alla Camera. Ora il sì definitivo del Senato

Pubblica Amministrazione: sì al licenziamento dei dirigenti. E Forestale con i carabinieri

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento, Politica

Stampa Stampa
Renzi-Madia

Renzi-Madia

Dopo le ultime modifiche la riforma della pubblica amministrazione è stata approvata alla Camera. Ora torna al Senato. Il testo passa con 253 sì, 93 no e 5 astenuti. Fra le maggiori novità previste il licenziamento dei dirigenti, il dimezzamento delle prefetture, la falcidia delle partecipate, la nuova ipotesi d’accorpamento della Forestale, questa volta con i Carabinieri. Ecco i dettagli:

DIRIGENZA – Anche i vertici diventano licenziabili, potranno essere messi alla porta nei casi in cui saranno valutati negativamente. Tuttavia pur di non essere mandato via il dirigente potrà chiedere di essere “demansionato”. Gli incarichi non saranno più “a vita”.

LICENZIAMENTI –  Resta la reintegra dell’art.18, che quindi è applicabile ai soli dipendenti pubblici. Quando scatta un’azione disciplinare non si potrà più concludere tutto con un nulla di fatto, la pratica dovrà essere portata a termine senza escludere il licenziamento.

ASSENZE –  Lotta dura alle finte malattie: le funzioni di controllo e le relative risorse passano dalle Asl all’Inps.

PENSIONATI – Il tetto di un anno vale solo per i ruoli direttivi (senza possibilità di rinnovo). Le altre cariche e collaborazioni sono «comunque» consentite. Resta confermato per tutte le posizioni affidate a pensionati il vicolo della gratuità (costo zero).

FORESTALE – Il ddl pone le basi per l’accorpamento della Forestale in un’altra forza (con tutta probabilità i Carabinieri). Per la terza volta dunque il corpo, senza pace, cambia destinazione. Ma questa sembra la più idonea, essendo associato ai Carabinieri del NOE (Nucleo Operativo Ecologico) dell’Arma. Si prevede inoltre un riordino di tutte le forze di polizia, dando spazio al merito.

PARTECIPATE – Verranno ridotte e per quelle che gestiscono servizi pubblici si prevede un numero massimo di `rossi´ dopo cui scatta la liquidazione. Si apre anche al commissariamento. Si va verso un dimezzamento delle camere di commercio.

PREFETTURE  – Si conferma un taglio rilevante che potrebbe portare anche a un dimezzamento; quel che ne rimarrà andrà a finire nell’Ufficio territoriale dello Stato, punto di contatto unico tra P.A. periferica e cittadini. Si farà piazza pulita degli uffici doppioni tra ministeri e Authority. Tagli anche alle Camere di commercio.

GRANDI OPERE – Un «taglia burocrazia», al fine di semplificare ed accelerare, fino al dimezzamento dei tempi, le operazioni in caso di rilevanti insediamenti produttivi, opere di interesse generale o di interventi con effetti positivi sull’occupazione.

PALAZZO CHIGI  – Verranno precisate le funzioni di palazzo Chigi per il mantenimento dell’unità di indirizzo. Un rafforzamento della collegialità che si ritrova anche nelle nomine di competenza, in modo che le scelte passino per il Cdm. La delega riguarda pure la definizione delle competenze in materia di vigilanza sulle agenzie fiscali (come le Entrate).

DIGITALE  – Arriva la “carta della cittadinanza digitale”, con il Governo delegato a definire il livello minimo di qualità dei servizi online. A guidare la svolta digitale ci penserà un dirigente ad hoc.

FREEDOM OF INFORMATION ACT ITALIANO – Tutti avranno il diritto di accedere, anche via web, a documenti e dati della P.A. Lo scopo è quello di spalancare gli archivi pubblici, anche se restano dei paletti, così da rendere possibile un controllo a 360 gradi anche sull’utilizzo delle risorse pubbliche.

EMERGENZE  – Basterà chiamare il 112 per chiedere aiuto in ogni circostanza. L’idea è quella di realizzare centrali in ambito regionale che, raccogliendo la richiesta, siano in grado di smistarla al servizio interessato.

LIBRETTO UNICO AUTO – Si apre al trasferimento del Pubblico registro automobilistico (Pra), retto dall’Aci, al ministero dei Trasporti, a cui fa capo la Motorizzazione. Si va infatti verso un’unica banca dati per la circolazione e la proprietà, con un solo libretto.

 

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.