Impegnati nelle ricerche Vigili del Fuoco e volontari

Volterra, ritrovato dopo cinque giorni il corpo di una donna scomparsa

di Sandro Addario - - Cronaca

Stampa Stampa
La base operativa delle ricerche della donna scomparsa  a Volterra gestita dai Vigili del Fuoco

La base operativa delle ricerche della donna scomparsa a Volterra gestita dai Vigili del Fuoco

VOLTERRA (Pisa) – È stata ritrovato stamani 26 luglio poco dopo le 9, dopo cinque giorni di ricerche, il corpo ormai senza vita di Franca Maria Rossi, la donna di 84 anni scomparsa martedì mattina 21 luglio nella zona di Volterra in località La Villa. Era nata a Genova il 12 febbraio 1931 ed era residente a Pomarance (Pisa) ma, con il marito coetaneo, aveva deciso di vivere molto spesso in un camper fuori dal centro abitato.

L’allarme era stato dato dallo stesso marito solo nella serata, dopo un’intera giornata di attesa, anche perché sembra che la donna in passato si fosse già allontanata un’altra volta. Stamani 26 luglio il suo corpo, sembra ormai in avanzato stato di decomposizione, è stato trovato da una squadra di volontari della pubblica assistenza di Rosignano coordinati dai Vigili del fuoco, vicino a un fossato nel bosco a circa due chilometri di distanza dal camper.

Manca ancora il riconoscimento ufficiale, ma sulla sua identità non sembrano esserci dubbi. Indossava gli abiti che aveva al momento della sua scomparsa, compresa una felpa rossa che era stata indicata ai soccorritori per le ricerche. Con sé, a quanto si apprende, aveva anche la propria carta d’identità.

Sul posto ci sono, oltre alle squadre di soccorso e ai sanitari del 118, anche Polizia e Carabinieri di Volterra. Appena ottenuta l’autorizzazione del magistrato, il corpo sarà portato presso un obitorio e successivamente il giudice deciderà se disporre l’autopsia, per chiarire con certezza le cause della morte.

Le ricerche della donna erano iniziate già nella notte tra martedì 21 e mercoledì 22, con l’intervento di Vigili del Fuoco, Carabinieri, Polizia e volontari della Protezione Civile. Era stato allestito anche una «Unità di comando locale» (Ucl) a cura dei Vigili del Fuoco, che – per legge – coordinano e dirigono le operazioni di ricerca persone scomparse fuori dai centri abitati.

Nei giorni scorsi era stata effettuata anche una ricognizione aerea con l’elicottero «Drago 23» dei pompieri arrivato da Arezzo, oltre ad un’attività di ricerca sul terreno con unità cinofile e squadre di volontari. Stamani la tragica scoperta del cadavere, che chiude – purtroppo con esito infausto – le ricerche. La parola ora passa agli inquirenti per chiarire definitivamente le circostanze del fatto.

 

Tag:,

Sandro Addario

Sandro Addario

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.