Giunta a nove dopo l'uscita di Titta Meucci

Firenze: il sindaco Nardella redistribuisce le deleghe. Sale Lorenzo Perra: avrà urbanistica e fundraising

di Redazione - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa
Il sindaco di Firenze, Dario Nardella

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella

FIRENZE – Cambia la squadra di governo in Palazzo Vecchio. Giunta a nove componenti anzichè
dieci, dopo che l’assessore all’Urbanistica e patrimonio, Elisabetta Meucci, ha lasciato l’incarico per
entrare a far parte del Consiglio regionale della Toscana. Il sindaco Dario Nardella ha deciso di non sostituirla e procedere esclusivamente a una redistribuzione di deleghe tra gli assessori già in squadra.
Nardella mantiene le deleghe a cultura e protezione civile.

La vicesindaca Cristina Giachi vede confermate le deleghe a educazione, università e ricerca; l’assessore Federico Gianassi quelle a organizzazione e personale, lavoro, decentramento,
trasparenza e semplificazione, ed acquisisce sicurezza urbana e polizia municipale, servizi demografici, patrimonio non abitativo; assessore Lorenzo Perra, confermate le deleghe a bilancio, partecipate, fondi europei, innovazione tecnologica, sistemi informativi e acquisisce le deleghe a fundraising, urbanistica e politiche del territorio; Andrea Vannucci mantiene la delega allo sport e acquisisce le deleghe a tradizioni popolari e politiche giovanili; Sara Funaro ha confermate le deleghe a welfare e sanità, accoglienza e integrazione, pari opportunità, casa; Stefano Giorgetti conserva le deleghe a
lavori pubblici e grandi opere, viabilità e manutenzione, trasporto pubblico locale; Giovanni Bettarini continua a tenere le deleghe a sviluppo economico, turismo e città metropolitana;
Alessia Bettini ha confermate le deleghe ad ambiente e igiene pubblica, decoro urbano, partecipazione, Nicoletta Mantovani quelle a cooperazione e relazioni internazionali.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.