I suoi legali hanno chiesto la scarcerazione

Firenze: si dichiara contro l’Isis il marocchino arrestato a Ponsacco. Il tribunale del riesame rinvia la decisione

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Agenti della squadra antiterrorismo della polizia

Agenti della squadra antiterrorismo della polizia

FIRENZE  – Ha cercato di dimostrare ai giudici del tribunale del riesame la sua buon fede, Jalal El Hanaoui, il 25enne marocchino arrestato il 6 luglio scorso nella sua casa di Ponsacco. Ha detto: “Vivo qui da 17 anni e ho tanti amici italiani”. E’ accusato di propaganda e istigazione alla jihiad, accuse dalle quali si sarebbe difeso affermando di essere contrario all’Isis.

Il giovane avrebbe risposto anche alle su nuove contestazioni presentate dalla procura in particolare a
nuove foto e un video trovati nella memoria del suo Iphone. In una foto il 25enne ha in mano una pistola, il video sarebbe quello di una decapitazione fatta da un gruppo di militanti dell’Isis, ricevuto da lui tramite whatsApp. Il tribunale si è riservato la decisione: i difensori, Marco Meoli e Tiziana Mannocci, avevano chiesto la revoca dell’ordinanza di custodia cautelare, mentre il pm Angela
Pietroiusti ha chiesto la conferma del provvedimento cautelativo, la custodia in carcere.

Secondo il giovane la pistola era giocattolo e la foto, nella quale comparirebbero anche alcuni suoi amici italiani, risalirebbe al 2014, mentre ha confermato di aver visto il video ma senza condividerlo con alcuno. Una tesi sostenuta con forza dai suoi legali.  “Sono un ragazzo perbene – ha aggiunto El Hanaoui – e non mi sono mai nascosto, visto che da dicembre, da quando ho perso il lavoro, sono regolarmente iscritto alle liste di disoccupazione e sto anche studiando per prendere la patente in Italia”.

I suoi legali hanno poi contestato i principali capi d’accusa: secondo quanto appreso, gli avvocati hanno evidenziato che la navigazione sul web effettuata da El Hanaoui dimostra che ci sono semplici accessi ai siti ‘incriminati’, ma nessuna attività di pubblicazione o condivisione di quei contenuti così come le conversazioni ‘intercettate’ non avrebbero connotati estremisti, ma riguardano “le sue convinzioni religiose assolutamente lecite e non pericolose”. Perciò, hanno concluso i due legali, non
sussistono gravi indizi colpevolezza, né l’esigenza cautelare relativa al pericolo di reiterazione del reato, anche perché il pc e i 3 telefonini del giovane sono tuttora sotto sequestro. Da qui la richiesta di annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare e l’immediata liberazione del loro assistito o, in
subordine, la concessione degli arresti domiciliari.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.