Eccezionale impresa dell'atleta azzurra

Mondiali di nuoto: medaglia d’oro per Tania Cagnotto nei tuffi dal trampolino

di Ernesto Giusti - - Sport

Stampa Stampa
Tania Cagnotto: impresa dalla piattaforma 40 anni dopo Klaus Dibiasi

Tania Cagnotto: impresa dalla piattaforma 40 anni dopo Klaus Dibiasi

KAZAN (Russia)Eccezionale impresa di Tania Cagnotto: che è salita sul tetto del mondo. La regina dei tuffi ha vinto il titolo mondiale dal trampolino da un metro con 310,85 punti precedendo le cinesi Shi Tingmao di 1,75 punti e He Zi di 10,55 punti. Solo Klaus Dibiasi aveva vinto la medaglia d’oro ai campionati mondiali a Belgrado 1973 e Cali 1975 dalla piattaforma. Per l’azzurra è il primo oro iridato in questa disciplina, dopo il bronzo nel 2011 a Shangai e l’argento nel 2013 a Barcellona.

FIGLIA D’ARTE – E’ uno dei giorni più belli della sua vita. Perchè dopo tante medaglie mondiali alle spalle delle cinesi arriva l’oro iridato. “Un sogno che si realizza”, dice la trentenne bolzanina, figlia d’arte. Suo padre Giorgio è stato uno dei più grandi tuffatori italiani, amico e rivale di Klaus Dibiasi. Tania, trattenendo l’emozione, rivela: “Ho sempre messo sullo stesso piano vincere un mondiale e una medaglia olimpica. Volevo raggiungere uno di questi due obiettivi e finalmente è successo. Sono al settimo cielo. E’ una bella soddisfazione personale e familiare”. Una giornata segnata in positivo sin da subito: “Avevo una strana sensazione già dalle eliminatorie. Ieri è stata una giornata infinita; non sapevo dove sbattere la testa. Non mi sono allenata tutto il giorno e sapevo che potevo farcela; avrei voluto saltare subito anziché aspettare”.

SOGNO – Anche il sogno premonitore: “Avevo perfino sognato di battere le cinesi. Ma larealtà è ancora più bella. Due anni fa, a Barcellona, ero finita a dieci centesimi di punto da He Zi e avanti a Wang Han. Con loro sarei partita alla pari. Ma qui sapevo che fare più punti di Shi Tingmao sarebbe stato difficile, quasi impossibile”. Infine racconta la gara: “La finale è iniziata bene; col doppio e mezzo avanti ho perso qualche anno di vita ma poi ho continuato meglio.Prima dell’ultimo tuffo avevo dieci punti di vantaggio; non era necessario strafare e ho cercato di controllare. E’ bastato per vincere. In attesa del trampolino 3m posso dire di aver chiuso in bellezza in bellezza la mia carriera ai campionati mondiali. E’ uno dei momenti più belli della mia vita”. In gare individuali la Cagnotto ha conquistato il bronzo dal trampolino 3m a Montreal 2005, Melbourne 2007 e Roma 2009 e dal trampolino 1m l’oro a Kazan 2015, l’argento a Barcellona 2013 e il bronzo a Shanghai 2011. Insieme a Francesca Dallapè l’argento nel sincro trampolino a Barcellona 2013 e Shanghai 2011.

 

Tag:, , ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.