Cerimonia alla Caserma Mameli di Firenze

Scuola Marescialli Carabinieri, «promossi» 400 nuovi comandanti. Conclusi i corsi 2014-2015 (FOTOGALLERY)

di Sandro Addario - - Cronaca

Stampa Stampa
Allievi della Scuola Marescialli Carabinieri

Allievi della Scuola Marescialli Carabinieri

FIRENZE – L’emozione più grande è stato l’abbraccio tra i nuovi 400 marescialli dei Carabinieri alla fine della cerimonia di fine corso, che si è svolta stamani 31 luglio presso la Caserma Mameli di Firenze, sede della Scuola Marescialli e Brigadieri dell’Arma. Hanno passato insieme chi un anno, chi ben tre anni. E oggi è il giorno dell’arrivederci alla presenza di tantissimi familiari arrivati da ogni parte d’Italia.

Qualche giorno di licenza e poi tutti raggiungeranno la loro destinazione: in prevalenza una delle oltre 5000 stazioni dell’Arma sparse tutto il territorio nazionale, dalle grandi città ai più piccoli comuni.

Si è chiuso così il 12° corso annuale cui hanno partecipato circa 250 allievi (una sola la neo marescialla), tutti militari già in servizio con un grado inferiore e che hanno superato con successo, prima il concorso e poi il corso per diventare marescialli. Con loro anche circa 150 allievi (una trentina le donne) del 2° corso triennale: giovani venuti dal mondo civile che tre anni fa hanno vinto il concorso che li ha visti per due anni frequentare i corsi di formazione alla sede di Velletri della Scuola – uscendone già con il grado di maresciallo – e il terzo anno a Firenze.

A salutarli era presente stamani il comandante generale dell’Arma, il generale di corpo d’armata Tullio Del Sette, che ben conosce Firenze dove è stato comandante regionale per la Toscana. Lo accompagnava il generale di corpo d’armata Umberto Pinotti, comandante delle Scuole dell’Arma e il generale Aldo Visone, comandante della Scuola Marescialli. Presenti le massime autorità cittadine, guidate dal prefetto Alessio Giuffrida. La regione era rappresentata dal presidente del consiglio regionale Eugenio Giani e il comune dal presidente del consiglio comunale Caterina Biti. Nella prima fila anche Martina Giangrande, la figlia del maresciallo Giuseppe Giangrande, ancora in ospedale dopo il grave ferimento durante la sparatoria nell’Aprile 2013 davanti a Palazzo Chigi a Roma.

Nel suo saluto il generale Del Sette – dopo aver ricordato le figure dei carabinieri cui sono stati intitolati i due corsi (le medaglie d’oro Felice Maritano e Francesco Gallo) – ha esortato i giovani ad operare quotidianamente con serenità e senso del dovere al servizio del cittadino. «La formazione che avete avuto – ha detto – potrebbe darvi incarichi di particolare responsabilità anche in brevissimo tempo. Dovete tener presente i principi morali che ci appartengono: rettitudine morale, onestà, sensibilità ed umanità che contraddistingue l’operato dell’Arma dei Carabinieri da sempre».

Non è mancato un cenno alla prossima sede della Scuola Marescialli in costruzione a Castello: «Sarà un dispiacere lasciare questa storica sede di piazza Stazione – ha detto Del Sette – ma dobbiamo guardare al futuro. Ci auguriamo che già dal prossimo anno, l’inizio dei corsi (a settembre ndr) possa avvenire presso la nuova sede». E a margine della cerimonia ha precisato: «Se il comune di Firenze e Unipol completeranno i lavori previsti, noi siamo pronti».

MARESCIALLI PREMIATI

2° Corso triennale: 1° classificato Andrea Grassi, 2° Helvio Angelosanto, 3° Marta Simonetti

Laurea con 110 e lode in Scienze Giuridiche della Sicurezza: Angela Boria, Mariano Formicola, Andrea Grassi

12° Corso annuale: 1° classificato Carlo Rosiello, 2° Davide Proietti, 3° Paolo Spataro

 

FOTOGALLERY

 

 

 

Tag:,

Sandro Addario

Sandro Addario

Commenti (3)

  • Marco

    |

    salve, è possibile avere le foto fatte dal vostro fotografo?

    Rispondi

    • Sandro Addario

      Sandro Addario

      |

      Le foto sono quelle pubblicate e di proprietà di FirenzePost. Sono comunque scaricabili ad uso privato. Se utilizzate per pubblicazione deve essere citata la fonte. Cordiali saluti

      Rispondi

  • Pier Luigi

    |

    Emozionante e da genitore commovente

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.