L'incidente avvenne il 4 gennaio scorso

Firenze, morì in scooter dopo l’urto di un cordolo: chiesto giudizio per 4 funzionari

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
incidente mortale

L’incidente avvenne sul Lungarno Corsini

FIRENZE – Morì dopo aver urtato, in sella al suo scooter, un cordolo che divideva la pista ciclabile dalla carreggiata, in Lungarno Corsini, lo scorso 4 gennaio.

E oggi, 6 agosto, la procura di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio per 4 persone accusate di omicidio colposo per il decesso dell’uomo. Secondo i magistrati il cordolo non era sufficientemente segnalato.

Indagati sono due rappresentanti della Sas (la società di Servizi alla strada): l’amministratore unico Simone Tani e il responsabile tecnico Maurizio Caprio; e due rappresentanti del Comune di Firenze, la dirigente Ilaria Nesti e il funzionario Marco Gardenti.

La vittima stava viaggiando insieme a una passeggera, che rimase ferita. Secondo la ricostruzione della procura, i due imboccarono Lungarno Corsini e caddero urtando il cordolo in pietra serena. L’accusa ritiene che l’incidente sia stato causato dalla carenza di segnaletica e di indicatori luminosi che avrebbero dovuto segnalare il cordolo.

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.