Forse è già all'estero

Livorno, padre separato fugge portando via il figlio di 5 anni: ricerche in tutta Italia

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Fugge portando via il figlio di 5 anni, ricerche in tutta Italia

Fugge portando via il figlio di 5 anni, ricerche in tutta Italia

LIVORNO – Lo cercano dappertutto. Da ieri sera, 6 agosto. E a oggi, dopo una note e una mattina di ricerche senza sosta, ancora nessuna traccia del padre separato sparito a Livorno col figlio di 5 anni dopo avere eluso la vigilanza degli assistenti sociali. L’uomo, un 39enne di Antignano, può vedere il bambino solo in presenza degli incaricati dell’Asl dopo la separazione e una dura battaglia legale.

La polizia lo ha cercato tutta la notte: l’impressione è che abbia lasciato la città insieme al bimbo. Lui da tempo lamentava la sua condizione e aveva messo in pratica una serie di iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica. Poi, ieri, l’epilogo: durante un incontro assistito con il figlio ha ingannato le assistenti sociali e ha fatto salire il piccolo a bordo di un’auto familiare allontanandosi dall’abitazione e dileguandosi nel nulla.

Gli inquirenti, coordinati dal pubblico ministero Gianfranco Petralia, non escludono che i due abbiano lasciato Livorno e forse anche l’Italia. Il padre del piccolo aveva già dato vita in passato ad alcune azioni dimostrative: dallo sciopero della fame a una serie di lettere aperte ai giornali.

L’ultimo caso risale a pochi giorni fa, quando il padre aveva organizzato un volantinaggio non autorizzato all’interno di uno stabilimento balneare livornese, distribuendo un foglio dattiloscritto con dentro accuse molto forti nei confronti della moglie, delle forze dell’ordine e degli assistenti sociali.

Oggi sulla vicenda è intervenuto il legale della madre del bambino, avvocato Paola Bernardo: «La madre sta collaborando con gli inquirenti per agevolare le ricerche – ha dichiarato – e stamani è stata a casa dell’ex coniuge per cercare qualche indizio per indirizzare le ricerche. Abbiamo piena fiducia nella polizia ma in questo momento non abbiamo da fare altre dichiarazioni e chiediamo che sia rispettata questa nostra scelta di riservatezza».

Riserbo sulle indagini anche da parte degli inquirenti: sono in corso tutti i tentativi per rintracciare padre e figlio attraverso il telefono cellulare dell’uomo. L’auspicio comunque è che il padre torni sui suoi passi e si consegni alla polizia che al momento fa sapere di ritenerlo «solo una persona in stato di disagio ma certamente non un delinquente».

L’uomo risulta in ferie dalla Piaggio dove lavora e, stando a quanto si è appreso, negli ultimi giorni non avrebbe effettuato prelievi di denaro contante tali da destare sospetti. Le ricerche sono state diramate in tutta Italia e le forze di polizia oggi stanno perlustrando anche le aree intorno a fiumi, canali e corso d’acqua delle città limitrofe.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.