Ma Kalinic scalpita e lo spagnolo non ha abbandonato l'idea di tornare al Betis

Fiorentina: contro il Milan, domenica sera, Sousa farà giocare Babacar e… Joaquin

di Massimiliano Mugnaini - - Sport

Stampa Stampa
Babacar sarà il centravanti titolare con il Milan

Babacar sarà il centravanti titolare con il Milan

FIRENZE. Probabilissimo titolare con il Milan, ma con le valigie ancora sulla porta di casa con una voglia matta di riempirle e tornare al più presto in Spagna. Vive di sicuro uno strano momento, l’esterno offensivo viola della Fiorentina, Joaquin.

INSTAGRAM. Oggi ha postato sul suo profilo Instagram un messaggio che è tutto un programma: «Lotta fino alla fine per raggiungere il tuo sogno». Difficile pensare che non abbia nulla a che fare con la sua situazione attuale, come detto decisamente sui generis.

CONTRATTO. Il sogno – neanche troppo nascosto – dell’iberico è appunto quello di lasciare Firenze di cui per altro si dice innamorato, ma è ancorato al club viola da un contratto (un anno con opzione per il secondo in caso di raggiungimento di un tot di presenze) che gli uomini di Della Valle non hanno nessuna intenzione di rompere.

SOUSA. Anche perché lo stesso tecnico Paulo Sousa nelle riunioni di mercato di questi giorni con il presidente Cognigni è stato chiaro: «Toglietemi tutto ma… non Joaquin». Stanchi anche per altre beffe estive (da Montella a Salah passando per Milinkovic),  i dirigenti viola hanno dunque scelto la linea dura: lasceranno partire Joaquin solo di fronte a congrua offerta del Betis Siviglia che invece lo vorrebbe gratis.

MILAN. A testimonianza di quanto Sousa lo ritenga fondamentale, c’è la sua precisa volontà di mandarlo in campo dal primo minuto domenica sera contro il Milan (designato come arbitro Valeri di Roma) nel trio di trequartisti assieme a Ilicic e forse Mati Fernandez,ora favorito su Bernardeschi. Un modo anche di confermare a Joaquin tutta la sua stima e fiducia.

BABACAR. Di fiducia in questo momento ha bisogno anche Babacar, il cui precampionato non è stato certo esaltante. Ma l’allenatore portoghese è comunque intenzionato a preferirlo a Kalinic per guidare l’attacco viola, senza dimenticare che c’è anche Pepito Rossi, pronto a subentrare a gara in corso.

TRENTAMILA. In città c’è grande attesa per il debutto della nuova Fiorentina, ma complice anche il fatto che in molti sono ancora in vacanza, domeinca sera non ci sarà il tutto esaurito. Considerando la prevendita e gli abbonati, allo stadio dovrebbero registrarsi intorno alle 30.000 presenze, più o meno le stesse dell’amichevole di lusso con il Barcellona di inizio agosto.

BAEZ. Per avere un’impennata d’entusiasmo servirebbe una vittoria contro la squadra di Mihajlovic e anche qualche altro colpo di mercato. In tal senso, pare praticamente fatta per l’attaccante uruguaiano Baez (poco più di 2 milioni il prezzo dell’operazione) che la prossima settimana dovrebbe arrivare in città, mentre per il centrocampo i nomi nuovi sono quelli di Kasami (Olimpiacos) e soprattutto Grosskreutz (Borussia Dortmund), uno in grado di sostituire anche Joaquin, qualora il sogno dello spagnolo – convincere i dirigenti della Fiorentina a lasciarlo andare – nelle ultime ore di mercato si avverasse.

Tag:, ,

Massimiliano Mugnaini

Massimiliano Mugnaini

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.