La presentazione ufficiale

Pisa, Rino Gattuso nuovo allenatore: «La mia squadra dovrà mangiare anche l’erba…»

di Redazione - - Sport

Stampa Stampa
Pisa, sulla destra Rino Gattuso, a sinistra Lucchesi

Pisa, sulla destra Rino Gattuso, a sinistra Fabrizio Lucchesi (foto Twitter – Pallonate)

PISA – Grinta, rabbia agonistica e sacrificio. Così Rino Gattuso, neoallenatore del Pisa, in LegaPro, spera di riportare in alto uno storico club toscano che non riesce più a trovare da anni i livelli calcistici che gli competono. Per lui stesso, campione del mondo con l’Italia nel 2006, sarà un’importante occasione di dimostrare il suo valore di allenatore, dopo le esperienze negative sulle panchine di Sion (Svizzera), Palermo e Creta (Grecia).

Oggi 21 agosto Gattuso è stato presentato ufficialmente a Pisa e ha fatto subito capire che in panchina si porterà dietro lo stesso carattere che gli ha consentito nel Milan e nella nazionale di vincere tutto.

«Il mio Pisa – dice senza mezze misure – dovrà mangiare l’erba dell’Arena Anconetani (lo stadio pisano, ndr)». Un bagno di folla quello vissuto dal tecnico nerazzurro, atteso da oltre 200 tifosi ai quali si è concesso per autografi e selfie.

Fortemente voluto dal nuovo presidente della società, l’ex dg della Fiorentina, Fabrizio Lucchesi, Gattuso ha anticipato anche il suo sistema di gioco preferito: «Da oggi in allenamento proveremo il 4-3-3. Voglio una squadra corta, che va a pressare alto e sa verticalizzare. Nella rosa attuale manca un po’ d’esperienza e quindi la cercheremo sul mercato. So che il presidente mi accontenterà con 5-6 innesti. Lo voglio ringraziare perché Lucchesi è un ottimo dirigente e il fatto che mi abbia scelto mi rende orgoglioso. Ho voglia di far bene e sono felice di vedere tutto questo entusiasmo. Ne avremo bisogno».

Tag:,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.