Dopo l'attentato devastante di Bangkok

Terrorismo e turismo: la Farnesina ha compilato la nuova mappa dei paesi a rischio. Ecco le mete sconsigliate

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica, Primo piano, Top News

Stampa Stampa
farnesina

farnesina

ROMA – I combattimenti e gli attentati, ad opera di terroristi islamici, si susseguono in ogni parte del mondo, e di conseguenza anche la mappa dei Paesi a rischio stilata dalla Farnesina si aggiorna continuamente. Per questo il nostro ministero degli esteri consiglia, a chi parte per mete esotiche, di consultare prima il sito viaggiaresicuri e di comunicare i luoghi e i tempi di soggiorno. Solo così le nostre autorità diplomatiche possono intervenire tempestivamente in caso di necessità.

MAPPA – I paesi e le località da evitare o sconsigliati, di recente sono inseriti nell’elenco apposito quasi sempre per via del terrorismo. È un virus molto mediterraneo, che ha quasi cancellato dalle rotte turistiche nazioni come Tunisia, Egitto, Libano, oltre a Siria e Libia. Oggi anche la Turchia rischia, con gli attentati recenti. Ma le bombe sono arrivate fino a Bangkok. E off limits restano le tante bellezze di Yemen e Iraq, Afghanistan e Pakistan, Corno d’Africa, Sudan, Congo.

AGENZIE – Per questo le agenzie di viaggio negli ultimi anni hanno eliminato più di un Paese dai loro programmi, anche se rimangono fruibili alcune mete dove non ci sono stati problemi: nazioni come Giordania, Armenia e Marocco, che per ora non sono sconsigliate.

PAESI – Nel corso del 2015 infatti le percentuali di frequenze turistiche si sono molto modificate; spicca il calo dell’Africa, che è scesa del sei per cento per numero di turisti, a causa dell’epidemia di ebola e del terrorismo. Crescono invece le Americhe, l’Oceania e l’Europa. Renzi si è recentemente rallegrato dell’aumento del turismo in Italia, ma ha forse dimenticato che i dati positivi a livello nazionale dipendono anche, in buona parte, dalle difficoltà che attraversano altre destinazioni del Mediterraneo.

Tag:, ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.